Walter Olkewicz: muore a 72 anni ha recitato in Twin Peaks e Grace Under Fire

0
129
Walter Olkewicz

Lutto nel mondo del cinema, Walter Olkewicz, l’attore meglio conosciuto come lo squallido barista Jacques Renault in “Twin Peaks”, il lavoratore della raffineria di petrolio Dougie Boudreau in “Grace Under Fire” in TV e il tizio che ha fatto infuriare Kramer in “Seinfeld”, sono morti. Aveva 72 anni.

Si conosce la causa della morte?

Olkewicz è morto martedì nella sua casa nella zona di Los Angeles a seguito di una malattia prolungata, secondo il figlio dello sceneggiatore, Zak Olkewicz.

Le parole del figlio

“Era un brav’uomo che ha spinto il suo amore per la creatività e le arti in tutto ciò che faceva”, ha detto Zak Olkewicz a USA TODAY di suo padre. “Ha tramandato quella passione a me, e non vedo l’ora di trasmetterla ai nipoti che amava così tanto”.

Walter Olkewicz

Olkewicz è stato una figura distintiva e familiare in TV e nei film per decenni, apparendo al fianco di Tony Danza per cinque stagioni di “Who’s the Boss?” come Tiny McGee dal 1987 e, nello stesso periodo, come personaggi tra cui Walter Plimp in “Night Court”. Nell’episodio “Cadillac” del 1996 di “Seinfeld” preferito dai fan, Olkewicz interpretava Nick, il lavoratore di Plaza Cable che si oppone a Kramer. L’intensa faida si è conclusa con un abbraccio da cable guy / Kramer.

Walter Olkewicz-La carriera

Nato il 14 maggio 1948 a Bayonne, nel New Jersey, Olkewicz si è laureato alla Bayonne High School nel 1966 e alla Colorado State University, prima di fare il suo debutto sullo schermo in “Futureworld” del 1976. Sul grande schermo, Olkewicz ha interpretato Private Hinshaw in un cast stellare che include John Belushi, Dan Aykroyd, Mickey Rourke e John Candy nella commedia sulla seconda guerra mondiale del 1979 di Steven Spielberg “1941”. Ha fatto una breve ma memorabile apparizione nel ruolo dell’avvocato della mafia Jerome “Romey” Clifford, la cui morte per suicidio mette in moto la trama nel thriller legale del 1994 basato sul romanzo di John Grisham, “The Client.

Commenti