WakeUpCall: esce il singolo “Verso casa”

0
435
WakeUpCall cover

Dopo l’opera punk “If Beethoven was a punk”, i WakeUpCall tornano con il singolo dai sapori più smussati intitolato “Verso casa”.

Chi sono i WakeUpCall?

I WakeUpCall sono una rock band romana con all’attivo più di 400 concerti in Europa e Asia e collaborazioni internazionali, tra le quali quella con il produttore americano Beau Hill (più di 50 milioni di dischi venduti nel mondo con Alice Cooper, Eric Clapton e tanti altri). Il loro album “If Beethoven Was a Punk” è una vera e propria opera che mischia la musica classica dei grandi compositori come Beethoven, Wagner, Mozart al rock. Dall’album è nato un fumetto, dal fumetto un’app digitale e infine uno spettacolo teatrale (con vari sold out a Roma e in Italia). Il progetto ha vinto il bando SIAE/SILLUMINA “Nuove opere multimediali” 2017. Nel 2019 con il loro primo brano in italiano “Tu Non Ascolti Mai” vengono scelti tra i primi 60 artisti (unica band Rock) su 840 per Sanremo giovani.

WakeUpCall: “Verso casa”

“Verso casa” parla di quel momento della tua vita in cui ti rendi conto quanto sei andato lontano rispetto a dove sei partito. Sei lontano da casa, da dove pensavi di arrivare e da tutte le cose che conosci e ti erano familiari. Nonostante ti sia riempito gli occhi di vita, non ricordi più perché sei andato via né perché o da cosa volevi scappare. “A volte crediamo che per trovare le risposte che cerchiamo dobbiamo andare via, lontano”, spiegano i WakeUpCall. “Le cerchiamo in capo al mondo, per una vita. E finiamo per trovare quelle risposte, quella speranza o felicità, nello stesso luogo dal quale eravamo fuggiti, l’unico posto in cui pensavo di non poterle trovare”.

Un viaggio perpetuo

Sono questi gli elementi che la band muove all’interno del nuovo singolo: un racconto comune a chiunque voglia mettersi in viaggio alla ricerca delle proprie radici. É il passato che ritorna contrapposto al presente, la sicurezza di ciò che si conosce e l’incertezza della scoperta. Un equilibrio destinato a rimanere precario ma necessario a metterci in cammino per scoprire che, a volte, le risposte erano già alla nostra portata fin dall’inizio di questo viaggio.

Commenti