Villain, i 10 migliori cattivi degli anni 2000

Come la follia, la rabbia, la smania di potere e l'ossessività sono stati portati sul grande schermo negli ultimi 20 anni

0
2563

Alfred Hitchcock, maestro della suspense, primo vero pioniere del cinema thriller e rappresentante di una nuova idea di villain rispetto ai suoi predecessori, è colui che ha pronunciato una delle frasi più veritiere riguardo un prodotto cinematografico.

“Più riuscito è il cattivo, più riuscito sarà il film”.

E detto da un cineasta che ha sfruttato per decenni la dinamica oppresso-oppressore, non possiamo che crederci. La scrittura del villain ha sicuramente un ruolo fondamentale nell’ottima riuscita di una pellicola. Non parliamo solo di cattivi pazzoidi e sanguinari, ma anche di personaggi con motivazioni più o meno giustificabili. Molte volte si ricade non nella figura del cattivo classico e stereotipato, ma in quella dell’antieroe. Eroi tragici, spinti anche da nobili sentimenti, che pur di arrivare ai propri obiettivi (giusti o sbagliati che siano) utilizzano metodi più o meno ortodossi.

La storia del cinema è popolata di questo tipo di personaggi che con le loro storie e particolarità riescono a donare un qualcosa in più al film. Una frase, un atteggiamento, una particolare scena, sono capaci di rendere un villain iconico ed indimenticabile. Il fascino di questi personaggi è capace di catturare e sedurre, rendendoli anche più interessanti degli stessi protagonisti, che si ritrovano quasi ad avere un ruolo secondario.

Un villain ben scritto, è capace di risaltare anche le doti attoriali dell’ interprete rendendo una performance indimenticabile. Oggi abbiamo deciso di guidarvi in un viaggio tra i generi, mostrandovi quelli che,secondo noi, sono i migliori ‘villain’ cinematografici del nuovo millennio. Da Saruman a Bill il Macellaio, passando per Thanos e arrivando a Hans Landa, un viaggio tra personaggi e interpretazioni che hanno reso indimenticabili le pellicole degli anni 2000.

1. Saurman (Il Signore degli Anelli, 2001-2003)

Saruman il villain del signore degli anelli
Christopher Lee intepreta Saruman ne ‘Il Signore degli Anelli’

La saga del Signore degli Anelli ci ha regalato nel corso degli anni villain iconici come il mastodontico Sauron o il folle Gollum. Ma il personaggio capace di catturarti è Saruman. Stregone bianco, candido e puro come la sua chioma e le sue vesti, deciderà di voltare le spalle all’ intera Terra di Mezzo, schierandosi con Sauron. Il personaggio è spietato e disposto a fare d tutto per raggiungere i propri obiettivi. Subdolo e senza un briciolo di umanità si ritroverà a scontrarsi persino con la sua stessa specie, incarnata nella figura di Gandalf. A rendere il personaggio ancor più indimenticabile è l’ interpretazione del compianto Christopher Lee, che nella sua carriera aveva interpretato un altro grande ‘cattivo’ del cinema, ovvero Dracula.

2. Bill Il Macellaio (Gangs of New York,2002)

Bill il villain di Gangs of New York
Daniel Day Lewis interpreta Bill il Macellaio in ‘Gangs of New York’

Il film è uno dei più grandi lavori Martin Scorsese, un classico del genere difficilmente replicabile. E le motivazioni di questo enorme successo risiedono nell’epocale interpretazione del villain da parte del tre volte premio Oscar Daniel Day Lewis. L’attore britannico andò vicino alla vittoria della statuetta, che fu però consegnata a Adrien Brody per la sua performance ne ‘Il Pianista’. Il villain che si presenta sullo schermo, è spietato, crudele, violento e vendicativo, ma allo stesso tempo quasi caritatevole. La follia che trasuda si percepisce con una facilità disarmante, rendendo il personaggio affascinante come pochi.

3. Raoul Silva (Skyfall, 2012)

Silva il villain di Skyfall
Javier Bardem in ‘Skyfall’

Sicuramente il cattivo più interessante, folle e giustificabile, dei film tratti dai romanzi di Ian Fleming. Silva, magistralmente interpretato dal premio Oscar Javier Bardem, è un ex agente dell’ MI6 che per colpa delle decisioni di M(Judi Dench) viene torturato e imprigionato. Cercherà di togliersi la vita con una capsula di cianuro, ma riuscirà a sopravvivere. Manipolatore, furbo, affascinante nella sua follia ha come unico obiettivo la vendetta verso quella donna che gli ha rovinato la vita. E’ uno dei primi villain a mettere seriamente in difficoltà Bond. Il celebre monologo di presentazione del personaggio è tutt’ora una delle scene più belle dei nuovi 007. L’interpretazione magistrale di Bardem ha reso Silva uno dei cattivi più interessanti e indimenticabili degli ultimi 20 anni.

4. Magneto/Erik Lehnsherr (X-Men, 2000-2019)

Interpretato da Ian McKellen nella celebre saga prodotta tra il 2000 e il 2006 e successivamente da Michael Fassbender nei prequel, Magneto è la definizione dell’antieroe. Un uomo (e mutante) che ha subito la violenza degli uomini e di coloro che lo definivano diverso. Il suo obiettivo è quello di proteggere e far regnare la razza mutante, professando disprezzo verso gli uomini. Il tutto è legato anche al fatto di essere ebreo,esser stato vittima delle deportazioni e aver perso la propria famiglia per colpa di ciò. Nel corso della saga Erik cambia spesso schieramento, rimanendo però fedele alle proprie idee, rendendolo uno dei villain più complessi ed affascinanti dell’ ultimo ventennio.

Michael Fassbender nei panni di ‘Magneto’ in X Men Dark Phoenix

La sua nobile idea di voler proteggere il diverso si annulla completamente dinanzi ai metodi utilizzati per raggiungere i suoi obiettivi. L’interpretazione di Ian McKellen ci presenta un Magneto segnato dallo scorrere degli anni,freddo e calcolatore. Invece l’interpretazione di Michael Fassbender ci restituisce un personaggio un pò più umano ma comunque spietato e segnato dalla vita.

5.Lotso (Toy Story 3,2010)

Lotso il villain di Toy Story 3
Lotso in Toy Story 3

Uno dei motivi fondamentali per cui Toy Story 3 è annoverato tra i capolavori del cinema d’animazione è proprio il villain. Lotso, è un orso di peluche viola, che a primo impatto può sembrare dolce e innocuo, anche grazie alla sua camminata zoppicante. L’idea è quella di provocare un sentimento di compassione nella platea e illudere che il personaggio possa essere un amico. In realtà Lotso si rivela essere uno dei cattivi più spietati e senza scrupoli del cinema d’animazione (se non del cinema in generale). Un personaggio doppiogiochista e capace di confondere. La sorpresa che genera la sua vena diabolica è sicuramente uno motivi per cui Toy Story 3, verrà ricordato sempre come un capolavoro del genere.

6. Hans Landa (Bastardi Senza Gloria, 2009)

Hans Landa il villain di Bastardi senza Gloria
Christoph Waltz interpreta Hans Landa in ‘Batardi senza Gloria’

Il Colonnello Hans Landa è un doppiogiochista. Di quelli della peggio specie. Spietato, senza un minimo di compassione e maledettamente inquietante è lui il motivo per cui Bastardi Senza Gloria è annoverato tra uno dei capolavori di Quentin Tarantino. Il personaggio, interpretato magistralmente da Christoph Waltz ( che per il ruolo vinse anche l’Oscar), ci cattura con il suo fascino e il suo sorriso inquietante già nelle prime scene. Non si riesce mai a capire ciò che pensa. E’ criptico, subdolo e questo lo rende sempre più affascinante agli occhi dello spettatore. La cattiveria mascherata sotto un sorriso, una finta comprensione che cela una coltellata dietro la schiena. L’inquietudine che la performance di Waltz trasmette accompagna per tutto il film, non scrollandosi mai di dosso.

7. Anton Chigurh (Non è un paese per vecchi, 2007)

Anton Chigurh il villain di non è un paese per vecchi
Javier Bardem in ‘Non è un paese per vecchi’

Ci sono pochi attori al mondo capaci di interpretare villain e provocare sempre una sensazione di ansia costante. Tra questi c’è Javier Bardem, che per il ruolo di Anton Chigurh in Non è un paese per vecchi ha ricevuto l’ Oscar al Miglior Attore non protagonista. Oltre a sfoggiare uno dei peggiori tagli di capelli della storia del cinema, Bardem interpreta un killer, strano, disumano e silenzioso. Un killer psicopatico, senza emozioni e senza un filo di comprensione ed umanità. A volte da una possibilità, ma il destino del malcapitato risiede in una semplice moneta. In un ‘testa o croce’.

La follia trasuda dai suoi occhi rendendolo una figura aliena, che non ha nulla a che fare con quella di un essere umano. La performance dell’attore spagnolo non ha fatto altro che aumentare questo stato di eterna alienazione del personaggio, rendendolo uno dei villain più inquietanti mai visti sul grande schermo.

8. Joker (Il Cavaliere Oscuro,2008)

IL joker villain del cavaliere oscuro
Heath Ledger interpreta il Joker in una scena de’ Il Cavaliere Oscuro’

Una maniacale cura dei dettagli. E’ sicuramente questo l’elemento che cattura di più del folle Joker portato sullo schermo dal compianto Heath Ledger (che per il ruolo vinse un Oscar postumo). Per anni si è sviluppata la diatriba di chi tra Jack Nicholson e l’attore australiano avesse portato sullo schermo il miglior Mr. J, ma tutt’ora non abbiamo una risposta a riguardo. Sicuramente Ledger, ha portato il ruolo ad un altro livello, tramite una interpretazione da pelle d’oca e una cura maniacale dei dettagli. La follia che trasuda da ogni sua frase o semplicemente da uno sguardo è capace di immobilizzare lo spettatore facendolo cadere in uno stato d’ansia che lo accompagna per tutto il film. Insieme ad un’ alta percentuale di fascino per un personaggio così malato e misterioso.

9. Thanos (Marvel Cinematic Universe, 2012-2019)

Thanos il villain dell'MCU
Josh Brolin interpreta Thanos nell’ MCU

C’è chi l’ha definito il più grande villain della storia dei cinefumetti. Chi l’ha visto come la grande macchina che ha mosso le fila delle vicende di uno degli universi cinematografici più complessi degli ultimi anni. E c’è chi lo vede per quello che è, uno degli antagonisti meglio scritti degli ultimi anni. Anche detto ‘il titano pazzo’, Thanos è il vero motore delle vicende che da ormai 12 anni, affollano i nostri cinema. Incredibilmente lucido nella sua follia e in certi momenti persino compassionevole, Thanos è uno dei villain meglio riusciti degli ultimi anni, capace di unire un Universo. Profondo, interessante ed esistenzialista, il Thanos interpretato da Josh Brolin riesce ad essere la perfetta sintesi tra crudeltà ed umanità (nonostante non sia per niente umano).

10. Lord Voldemort (Harry Potter, 2001-2011)

Ralph Fiennes interpreta Lord Voldemort

La saga di Harry Potter ci ha regalato villains indimenticabili a partire dall’odiosa famiglia Malfoy fino ad arrivare alla malvagia Bellatrix Lestrange. Ma sicuramente a spiccare è colui che muove le fila, ‘ colui che non deve essere nominato’. Lord Voldemort, interpretato dal grande,ed irriconoscibile, Ralph Fiennes, è in realtà Tom Riddle, abilissimo mago, molto potente e probabilmente secondo solo a Silente. L’odio che il personaggio prova per il giovane Potter è il simbolo di quell’emozione che tutti i cattivi, dovrebbero incarnare: inquietudine, smania di potere, odio. Un odio radicato che in Voldemort risiede nella figura di Harry. La fantastica interpretazione di Fiennes ha aiutato a rendere il ruolo ancora più iconico, trasformando Voldemort in un simbolo dei ‘cattivi cinematografici’.

Commenti