The Ritual Begins at Sundown – Robby Krieger e la rivisitazione jazz dei Doors

0
402
The Ritual Begins at Sundown

The Ritual Begins at Sundown è il nono album solista di Robby Krieger e il primo dopo dieci anni. È un tuffo profondo in un lato jazz del suo modo di suonare che, più di cinque decenni fa, non avrebbe mai pensato nemmeno di avere. Krieger ha co-scritto otto dei 10 brani interamente strumentali dell’album con il collaboratore di lunga data Arthur Barrow. Le altre due selezioni sono nuove interpretazioni di “Yes, The River Knows“, una canzone dell’album del 1968 dei The Doors Waiting for the Sun, e “Chunga’s Revenge”, la title track di un album solista di Frank Zappa del 1970.

Robby Krieger e il jazz

Molto prima che incontrassero un paio di ragazzi di nome Jim Morrison e Ray Manzarek e formassero una band chiamata The Doors, i compagni di scuola Robby Krieger e John Densmore erano soliti andare nei club di Los Angeles, ad ascoltare artisti jazz come Miles Davis e Wes Montgomery.

“Non avrei mai immaginato che avrei suonato quella musica in quel momento perché ero più interessato alla musica folk, al flamenco, cose del genere”, dice Krieger oggi, menzionando che Densmore suonava con la band jazz della loro High School. “Non avevo ancora imparato a suonare la chitarra elettrica. Ma l’ho adorato.”

L’interesse di Krieger per il jazz ha richiesto molti anni per manifestarsi in modo palese nel suo lavoro, anche se è stato certamente alimentato dalla sua esposizione a chitarristi inventivi come Larry Carlton e Joe Pass. Ma anche in The Doors, il chitarrista e Densmore hanno spesso portato una precisa sensibilità jazz ad alcuni brani della band: gli assoli di Krieger su brani come “Light My Fire”(che ha scritto) e “Moonlight Drive” e gli accordi suoi e di Manzarek su selezioni come “Riders on the Storm” e “The Crystal Ship” incorporavano idee di improvvisazione dal canone jazz.

The Ritual Begins at Sundown e Frank Zappa

La connessione con Zappa è profonda nel nuovo LP. Il polistrumentista Barrow ha suonato il basso con Zappa negli anni ’70 e ’80, e alcuni degli altri collaboratori – il trombonista Jock Ellis, il trombettista Sal Marquez e il tastierista Tommy Mars – sono anche alunni di Zappa. La formazione è completata dal flautista AeB Byrne, dai sassofonisti Vince Denim e Chuck Manning e dai batteristi Chad Wackerman e Joel Taylor.

Krieger ammette di non essere stato un grande fan di Zappa a metà degli anni ’60, quando i Doors e i Mothers of Invention di Zappa erano due delle band più in voga di Los Angeles. “Suonavamo con loro e lui veniva sempre al Whisky [un club]. In realtà voleva produrre The Doors, ma non abbiamo pensato molto a quell’idea.

Tuttavia, negli anni ’70, quando Krieger iniziò la sua carriera da solista dopo la morte di Morrison e lo scioglimento dei Doors, iniziò a usare parte della band di Zappa. Marquez ed Ellis risalgono al suo debutto da solista nel 1977 per la Blue Note Records, e Barrow, che è apparso nell’LP di Krieger del 1982, Versions, ha successivamente collaborato con Krieger in diversi altri progetti. Sia Barrow che Marquez appaiono in Singularity del 2010, la precedente registrazione da solista di Krieger.

Genesi di un’improvvisazione

La maggior parte delle nuove composizioni di The Ritual Begins at Sundown in realtà sono nate come improvvisazioni. “[Arthur e io] abbiamo appena iniziato a suonare con alcuni ragazzi”, dice Krieger. “Aveva uno studio a Venezia, [in California] e noi andavamo laggiù, accendevamo il registratore, suonavamo e trovavamo idee. Penso che sia davvero un buon modo per farlo.”

Krieger ha deciso di includere Yes, The River Knows dei Doors semplicemente perché riteneva che fosse uno degli sforzi più informati del jazz. “Ho sempre pensato che fosse una delle parti di pianoforte migliori di Ray”, dice. “Arthur l’ha trascritto, nota per nota, e l’abbiamo fatto suonare da Tommy Mars. È molto jazz.” Robby Krieger ha passato un po ‘di tempo, dopo la fine dei Doors, senza permettersi di rivisitare il materiale della band. Doveva prendere le distanze per stabilire la propria abilità artistica al di fuori della band.

“Per anni non ho suonato nessuna canzone dei Doors”, dice. “Ma non mi ero mai reso conto che i Doors sarebbero stati ancora popolari dopo tutto questo tempo, e poi c’erano tutte queste tribute band dei Doors. Conoscevo alcuni di quei ragazzi, quindi andavo a sedermi con loro una volta ogni tanto e ho visto quanto si divertivano. Quindi, a poco a poco, inserivo alcune canzoni dei Doors nel mio set e le suonavo strumentalmente. Poi, intorno al 2000, Ray e io siamo tornati insieme e abbiamo suonato The Doors, fino alla sua morte [nel 2013]. Quando suono con la mia band [la Robby Krieger Band], facciamo roba da The Doors, e mio figlio Waylon canta con noi. È divertente.”

Krieger ha anche collaborato con una varietà di altri artisti nel corso degli anni, sia su progetti legati ai Doors che su musica completamente separata dalla sua famosa band. Da notare che ha lavorato con Eric Burdon. “I Doors adoravano gli animali”, dice. “Ma con chi mi piacerebbe giocare è Bob Dylan. Era il mio eroe. Ora sarebbe fantastico.”

Commenti