“Sulla stessa onda”: la nuova storia d’amore su Neftlix

0
228
Sulla stessa onda
Sulla stessa onda

In uscita il 25 marzo 2021 su Netflix, “Sulla stessa onda” è una storia d’amore tanto genuina quanto travagliata, nata in una calda estate siciliana.

Sulla stessa onda: il film ambientato in Sicilia

Immaginate il caldo dell’estate siciliana acuito dal fuoco di due adolescenti che si trovano e si innamorano. É questa la storia narrata dal film “Sulla stessa stessa onda”, una produzione Netflix che sarà disponibile sulla piattaforma streaming dal 25 marzo. Scritto e diretto da Massimiliano Camaiti, al suo esordio come regista in un lungometraggio, ha come protagonisti principali Elvira Camarrone, Christian Roberto, Donatella Finocchiaro, Corrado Invernizzi e Vincenzo Amato. Il film, in associazione con Mediaset, è stato girato interamente in Sicilia, tra Palermo e San Vito Lo Capo, per sei settimane di riprese. Il risultato è una storia d’amore tra due ragazzi e per questo tanto genuina quanto piena di ostacoli: una difficoltà inaspettata costringerà i due adolescenti a crescere troppo in fretta.

La trama del nuovo film Netflix

Il protagonista è Lorenzo, un ragazzo di diciassette anni e istruttore del corso di vela del centro velico dove si svolgeranno le regate regionali. Fra gli allievi c’è anche Sara, sedici anni. Tra i ragazzi c’è qualcosa, è innegabile. Giorno dopo giorno, i due non smettono di guardarsi: per ciascuno è il primo amore, “quello che ti prende alla testa e non ti permette di ragionare”. Finito il corso i due ragazzi si ritrovano a Palermo, ma qualcosa è cambiato. Sara è sfuggente, risponde raramente ai messaggi. Eppure, Lorenzo è sicuro di non sbagliarsi, così va a casa di lei. Gli apre il padre di Sara che gli confessa che la figlia è malata: ha una distrofia degenerativa. Il corso di vela è stato il desiderio di Sara per provare a sentirsi una ragazza come le altre. Lo choc per Lorenzo è enorme. Tuttavia lui ama Sara, la vuole vedere felice e ha un’idea folle e romantica: iscriverla alla regata regionale, per gareggiare insieme e vivere un’esperienza indimenticabile

Commenti