Snowpiercer | Recensione e trama

0
217
Snowpiercer

Basato sul romanzo grafico francese “La Transperceneige“, “Snowpiercer” di Bong Joon-ho inizia in un futuro non troppo lontano mentre l’umanità tenta un ultimo tentativo di fermare una volta per tutte la diffusione del riscaldamento globale. Inutile dire che il piano fallisce in modo spettacolare e getta il mondo in una nuova era glaciale che causa l’estinzione di tutte le forme di vita.

Fortunatamente, prima che tutto questo accadesse, il ricco industriale Wilford, prendendo diverse pagine da Ayn Rand, ha costruito un treno di lusso ad alta velocità che può girare il globo senza fermarsi o subire gli effetti del tempo fuori. Ora, gli ultimi resti dell’umanità risiedono sul treno: le persone benestanti che vivono comodamente nei vagoni con le masse povere e oppresse bloccate dietro in spazi angusti e costrette a sopravvivere con barrette proteiche.

Snowpiercer – La ribellione

Dopo diciassette anni di condizioni subumane, le persone alle spalle stanno per esplodere e Curtis (Chris Evans) viene eletto per guidare la ribellione, anche se con riluttanza. Ci sono state insurrezioni fallite in passato, ma il vecchio Gilliam (John Hurt) ha un’idea: uno dei prigionieri messi in un sonno criogenico, Namgoong (Kang-ho Song), era uno degli ingegneri originali del treno prima di trasformarsi in un drogato e sa come ignorare il complicato sistema di porte chiuse per aiutare con il progresso.

Dopo aver realizzato che le guardie armate inviate dalla donna braccio destro di Wilford, Mason (una quasi irriconoscibile Tilda Swinton) non sono così minacciose come sembrano, Curtis e Namgoong, insieme a un gruppo che include Edgar (Jamie Bell), Tanya (Octavia Spencer) e la figlia di Namgoong Yona (An-sung Ko), partono per la testa del treno e un confronto finale con Wilford per determinare il loro destino.

Sulla scia delle opere del grande Terry Gilliam

Se il nome “Gilliam” ha scatenato un piccolo tremore di eccitazione quando l’hai sentito, non è un caso perché, con la sua combinazione di immagini sorprendenti, una trama da capogiro e personaggi stravaganti che non sempre si conformano ai loro presunti parametri “, Snowpiercer “è un film decisamente sulla scia delle opere del grande Terry Gilliam. Tuttavia, sebbene Bong possa avere un debito di ispirazione per Gilliam, questo non è assolutamente uno sforzo di imitazione.

Nei suoi primi film, Bong ha dimostrato un talento nel prendere premesse generiche standard e distorcerle in modi nuovi e insoliti che intrattengono le aspettative di genere e le sovvertono ad ogni svolta. Anche se l’idea di guardare le persone che cercano di farsi strada attraverso un treno inarrestabile può sembrare avere alcuni limiti visivi e drammatici, lui e la co-sceneggiatrice Kelly Masterson riescono sempre a mantenere le cose interessanti.

Da un punto di vista drammatico, il film è ugualmente efficace nel modo in cui include i brividi polposi previsti e l’umorismo strano, ma anche alcuni momenti drammatici che influenzano inaspettatamente. C’è un momento in cui un personaggio osserva che, a causa delle condizioni sul treno “so che sapore hanno le persone e so che i bambini hanno un sapore migliore“. Sembra uno scherzo malato, ma la battuta viene pronunciata con la massima serietà e, poiché ci interessa chi lo dice, si rivela essere un momento inaspettatamente potente del dramma umano in mezzo al caos. Allo stesso modo, la ripresa finale del film è impressionante nel modo in cui suggerisce trionfo e potenziale terrore allo stesso tempo.

La faida dietro Snowpiercer

Il film è stato al centro di una faida tra il suo regista e Harvey Weinstein, il distributore del film. Secondo i rapporti, Weinstein non amava il taglio di 126 minuti di Bong e avrebbe chiesto la rimozione di 20 minuti prima di rilasciarlo. Alla fine Weinstein mantenne il film per intero, ma decise di ridurre il suo piano di distribuzione a quello che i ragazzi chiamano “edizione limitata”.

Commenti