Sister Act 2: ecco chi è Lauryn Hill, l’attrice che interpreta Rita Watson

Sister Act 2 è notoriamente un film con due grandi protagoniste: Whoopi Goldberg e Lauryn Hill. Ma che fine ha fatto la seconda dopo il film? Scopriamolo.

0
1153

Sister Act e Sister Act 2 sono due pietre miliari per la televisione italiana. Grandissimi successi al botteghino quando sono usciti, i film vengono entrambi trasmessi almeno un paio di volte all’anno in TV: questo parlando solo di prima serata, perché se consideriamo le messe in onda pomeridiane e mattutine il numero sale considerevolmente.

Di sicuro la star principale dei film è Whoopi Goldberg, volto passato alla storia del cinema anche grazie a queste due opere, ma nel sequel abbiamo anche un’altra grande protagonista: parliamo dell’allora adolescente Lauryn Hill, che nel film interpreta Rita Watson. Nel film Rita è una ragazza poverissima e disillusa che grazie a “Suor Maria Claretta” troverà il coraggio di credere nei propri sogni, ma chi è davvero Lauryn Hill? Scopriamolo insieme.

CLICCA QUI PER LA RECENSIONE DEL FILM

Lauryn Hill: una carriera musicale di primo piano

Nonostante il suo volto in Italia sia associato principalmente a Sister Act 2, nel mondo Lauryn Hill è conosciuta principalmente come cantante R&B. In realtà prima di Sister Act aveva fatto perlopiù l’attrice, interpretando quasi sempre ruoli minori, ma dopo essersi fatta notare come cantante proprio nel noto film tutto è cambiato. Pochi anni più tardi, nel 1994, la Columbia Records unisce Lauryn ed altri due artisti (Wyclef Jean e Pras Michel) nel gruppo musicale hip-hop/soul “The Fugees”.

La band in un primo momento non ottiene un successo stratosferico, ma dopo qualche anno le cose iniziano ad andare diversamente; Il brano “Killing Me Softly”, cover di Roberta Flack, è una hit mondiale dai numeri stratosferici, e così il gruppo pubblica l’album “The Score”. Il disco vende 18 milioni di copie: si tratta di numeri incredibili, che avrebbero fatto pensare ad una lunga vita per il gruppo, ma non è stato così.

La carriera da solista

Già a fine anni ’90, tutti i membri del gruppo debuttavano come solisti. Lauryn fu probabilmente quella che ottenne risultati più rilevanti: il suo album di debutto “The Miseducation Of Lauryn Hill” vendette qualcosa come 12 milioni di copie in tutto il mondo, ed i singoli estratti furono grandissime hit. Basti pensare a “Ex Factor”, un brano dall’impatto così potente da dare il titolo a quello che sarebbe poi diventato il talent show musicale più famoso al mondo, “The X Factor”. L’album vinse anche innumerevoli premi, tra cui il Grammy come album dell’anno, ed il relativo tour promozionale incassò milioni e milioni di dollari. In quel periodo addirittura Carlos Santana la volle come produttrice musicale per un suo album: anche quel disco vincerà poi un Grammy come album dell’anno.

Di nuovo, tutto sembrava andare per il meglio, ma presto qualcosa si spezzò: Lauryn decise presto di “auto-esiliarsi” da un mondo che non le piaceva, e da quel momento in poi per moltissimo tempo ha concesso solo sporadiche apparizioni dal vivo. L’unica pubblicazione musicale rilevante da parte di Lauryn dopo il primo album fu infatti un progetto live realizzato con la collaborazione con MTV; per il resto non c’è stato quasi nulla: un tour di reunion dei Fugees, altri vari tour da solista, ma nulla di che. Soltanto a partire dal 2011 l’attività live di Lauryn si è fatta molto intensa, e soltanto negli ultimi anni l’artista ha iniziato a pubblicare sporadiche collaborazioni, spesso con artisti più giovani di lei come Teyana Taylor. Nel 2019 Lauryn Hill si è inoltre esibita in concerto in Italia, diventando uno degli ospiti di punta dell’Umbria Jazz di Perugia.

Commenti