Sharon Stone: “minacciata” di perdere il lavoro per aver chiesto un set vaccinato

0
212
Sharon Stone:

Sharon Stone ha subito delle minacce per aver chiesto un set completamente vaccinato. Lo ha rivelato la stessa attrice, 63 anni, in un video nel quale è candidata per il board nazionale del sindacato Sag-Aftra.

Cosa ha detto Sharon Stone?

“Mi è stato offerto un lavoro, un buon lavoro, un lavoro che voglio davvero fare ad Atlanta”, dice in quel video. “Ecco perché mi si rizzano i capelli… perché la Producers Guild of America non garantirà che tutti nel nostro show siano vaccinati prima che io vada al lavoro”. E poi sulle minaccie: “Hanno minacciato di lasciarmi a casa, sì. Ma andrò avanti con la mia battaglia affinché sui set sia richiesto ai lavoratori di essere stati vaccinati”. Così Sharon Stone, ha rivelato alla Cnn di aver subito minacce e pressioni dopo la sua richiesta pro-vaccini avanzata alla casa di produzione per la quale stava girando un film.

Perchè la presa di posizione?

Sharon continua: “Perché è ridicolo… che dovremmo andare a lavorare dove non siamo sicuri di lavorare. Mi batto per tutti noi quando dico che la Screen Actors Guild – per cui lavorerò con Membership First – sarà sicuro per noi di andare a lavorare”.

Sean Peen

Una richiesta simile a quella avanzata poche settimane fa da Sean Peen, che ha sospeso le riprese della miniserie Gaslit fino a quando tutti i lavoratori della produzione non saranno vaccinati contro il Covid.

L’assicurazione medica

L’attrice ha anche rivelato che durante la pandemia ha perso l’assicurazione medica dopo 43 anni nel mondo dell’industria cinematografica e per 13 dollari mancanti. “Come attori, sai, le cose non sono andate bene per noi”, ha detto in un video che promuove la sua candidatura per un posto nel consiglio di amministrazione nazionale del sindacato (guarda sopra). “Non credo che tu abbia bisogno che te lo dica. Voglio dire, ho perso la mia assicurazione maturata dopo 43 anni di attività a causa del Covid. Ero a corto di $ 13 e, sai, non penso davvero che sia ragionevole per nessuno di noi”.

Commenti