Season Finale WandaVision: recensione dell’episodio conclusivo

Recensione del finale di stagione di WandaVision serie attualmente disponibile su Disney+

0
214
Season Finale

La carne messa al fuoco forse era anche troppa. Il season finale di WandaVision cammina sul confine labile tra la delusione e grande successo. Probabilmente la campagna marketing (a questo punto esagerata) della Marvel non ha giovato da questo punto di vista. Cardine di questa puntata è la vicenda umana di Wanda, la sua capacità di abbracciare la propria essenza e superare il dolore del lutto. Tutte le folli teorie sviluppate dai fan sono state disattese, ma comunque i Marvel Studios sono stati in grado di donarci un finale capace di aprire a nuovi orizzonti. Fondamentali sono le due scene post credit che si agganciano in maniera intelligente e dinamica ai futuri progetti MCU. Non c’è Mephisto (per ora) e non c’ è Multiverso, semplicemente il centro della narrazione è Wanda e la sua “maturazione” in Scarlet Witch. Sono proprio la sua natura e la forza dei suoi poteri a diventare protagonisti in questo season finale.

Un accenno (quello di Pietro) al Multiverso che non viene portato fino in fondo risolvendo il tutto con uno stratagemma narrativo. Un pò deludente il fatto che un personaggio come il Quicksilver di Evan Peters sia stato relegato ad un ruolo di sfondo.

Anche per l’ ultimo episodio vi lasciamo con un importantissimo AVVERTIMENTO SPOILER.

Season finale: l’elaborazione definitiva del lutto?

Wanda, probabilmente è il personaggio MCU che più è stato vittima di traumi emotivi. Dai genitori passando per Pietro, fino ad arrivare a Visione, la vita della giovane è composta da una serie di traumi continui che ci vengono riproposti all’ interno della serie e in particolare in questo season finale. La consapevolezza che tutto ciò che ha creato è fittizio, rende Wanda più forte, più cosciente del proprio potere. Ed è proprio questo a dargli la possibilità di abbracciare totalmente la propria vera natura: quella di Scarlet Witch. Le scene finali del saluto tra Wanda e Visione sono strazianti, ma aiutano a capire la maturazione totale del personaggio nel corso della serie. Wanda non ha più paura del proprio potere e del dolore, ma lo abbraccia, cercando, in un certo senso, di comprenderlo. Wanda si evolve in Scarlet Witch, creatura mistica in grado di padroneggiare la magia del Caos.

WandaVision: Il potere di Scarlet Witch

Scarlet Witch

Agatha, in questo episodio, viene quasi messa in secondo piano. Nell’economia della serie il personaggio interpretato dalla bravissima Kathryn Hahn diventa un espediente narrativo capace non solo di approfondire la storia personale di Wanda ma in grado di svelarci alcuni dettagli succosi riguardo il misticismo dell’ entità Scarlet Witch. Lei stessa la definisce come una creatura con un potere superiore allo Stregone Supremo (Doctor Strange) e difficilmente controllabile. Sono questa rivelazioni a lasciare al pubblico i primi indizi che potrebbero riuscire a collegare WandaVision a Doctor Strange: In the Multiverse of Madness. Piccoli indizi che potrebbero essere fondamentali per il futuro del personaggio. Veniamo a conoscenza di quanto Wanda abbia in sè parte della gemma e quanto il suo potere possa essere sconfinato. Si attinge fortemente non solo ai precedenti film, ma anche all’ interessantissima storia cartacea della protagonista.

White Vision: Visione è tornato?

WandaVision
Lo scontro tra Visione e White Vision

Bisogna aprire una doverosa parentesi su Visione. Il personaggio interpretato da Paul Bettany viene mostrato in una veste nuova, in uno scontro con la versione “bianca” di sè stesso. Come già abbiamo appreso nell’episodio precedente, White Vision è una interpretazione del personaggio senza emozione e senza ricordi, ricostruita dal capo (odioso) dello S.W.O.R.D, Hayward, come arma da guerra. Il confronto tra i due personaggi porta ad una scena interessante in cui la versione costruita di Visione riporta a galla i ricordi del proprio corpo fisico. La coscienza ritorna a galla dando nuova linfa al personaggio. Nonostante il Visione conosciuto nella serie scompaia con la dissoluzione dell’ ESA, White Vision è ancora lì, in giro con la coscienza e l’anima del personaggio che abbiamo conosciuto nei film MCU.

Il cameo mancato e teorie sul futuro

Il season finale di WandaVision spiana la strada al film Doctor Strange: In the Multiverse of Madness e questo lo sapevamo già. Nonostante molti fan siano rimasti delusi dal mancato cameo del personaggio nel finale di stagione tanti sono i piccoli elementi riconducibili ad una possibile trama futura. Particolarmente interessante è la voglia di Wanda di voler comprendere i propri poteri. Nella seconda scena post credit, infatti, troviamo Wanda in una baita isolata. Qui, la sua percezione astrale è impegnata a consultare il Darkhold, libro che nel corso della serie abbiamo visto nelle mani di Agatha. Come sottofondo si sentono le voci di Billy e Tommy.

WandaVision
La scena post credit

Ipotizzando una narrazione che segua le vicende dei fumetti questo potrebbe essere un punto di partenza per la futura introduzione di un importantissimo villain nell’ Universo Marvel. Wanda all’ interno dei fumetti si contende le anime dei propri figli con Mephisto, entità mistica riconducibile ad una figura demoniaca, famoso per istituire dei veri e propri patti con le sue vittime. Ovviamente non sappiamo come andrà avanti la storyline di Wanda dopo il season finale di WandaVision ma comunque di volta in volta diventiamo sempre più coscienti delle capacità di dell’eroina.


WandaVision: tra sconvolgenti scoperte e dolorosi ricordi

Dove posso vedere WandaVision?

WandaVision è disponibile su Disney+.

Commenti