Ron “Bumblefoot” Thal: “Chinese Democracy? Un disco unico nel suo genere”

0
273

Chinese Democracy è il disco più discusso dell’ultimo ventennio. Quello che doveva essere il ritorno di una delle band più chiacchierate degli anni 90′, è diventato un rovente materiale di dibattito per esperti e critici. Ora, a distanza di ben 12 anni dal rilascio del disco, e dopo il tanto acclamato ritorno dei Guns originali, Ron “Bumblefoot” Thal, chitarrista nella formazione di CD, torna a discuterne.

La band di Axl Rose fà sempre parlare di se, e nel bene o nel male tira sempre qualcosa di buono. Bumblefoot lo ha sottolineato in una intervista al podcast Guitar Villans, affermando che il valore del disco crescerà nel tempo. Una dichiarazione forte di un lavoro che ne ha passate di cotte e di crude, da una gestazione lunghissima fino ad un riscontro discografico non proprio esaltante (soprattutto se comparato con gli altri dischi della band di Los Angeles).

Cosa ha detto in particolare Ron “Bumblefoot” Thal?

A quel tempo, la gente continuava a parlare di come ci fosse voluto troppo tempo per farlo, troppi soldi e tutte quelle sciocchezze. E io dicevo sempre, aspettate venti anni. La gente dimenticherà tutte queste cose, tutta la zavorra che stanno cercando di appendere a questo disco. Verrà ascoltato per quello che è, verrà ascoltato come musica e si sentiranno molti strati di cose, una combinazione interessante di parti e persone e di cambiamenti nello stile e nella tecnologia succedutisi nel corso degli anni, diciamo dieci anni, [da] quando lo hanno iniziato a scrivere a [quando] arrivò sugli scaffali dei negozi. Non credo che nessun altro album nella storia del rock sia passato attraverso tutti questi cambiamenti. Quindi è un album molto speciale con molta storia all’interno di ogni canzone. E sono grato che mi abbiano coinvolto“.

Chinese Democracy: la tracklist

  1. Chinese Democracy
  2. Shackler’s Revenge
  3. Better
  4. Street Of Dreams
  5. If The World
  6. There Was A Time
  7. Catcher N’ The Rye
  8. Scraped
  9. Riad N’ The Bedouins
  10. Sorry
  11. I.R.S.
  12. Madagascar
  13. This I Love
  14. Prostitute


Slash elogia gli ACDC: “Power Up? Un lavoro ispirato”

Commenti