Ringo Starr, ascolta il nuovo singolo Here’s To The Nights

0
1405
Ringo Starr, ascolta il nuovo singolo

Criticato e osteggiato. Amato e celebrato. Ringo Starr è non solo il reduce dei leggendari Beatles, ma una delle ultime genuine rockstar della prima ora. Ancora oggi prosegue il proprio cammino musicale all’insegna del suo classico peace & love, messaggi fondamentali per sopravvivere in questi tempi. In questo 2020 turbolento il batterista non può non offrire pezzi della propria arte ai suoi amati fans, tantissimi e sparsi in tutto il mondo. Il batterista pubblicherà a breve, il 18 dicembre, il video del nuovo singolo Here’s To The Nights, facente parte dell’ ep intitolato Zoom In. Dietro questa nuova pubblicazione di Ringo ci sono musicisti eccelsi come l’ex Doors Robbie Krieger e Steve Lukather dei Toto, entrambi ovviamente alla chitarra, e produttori del calibro di Jeff Zobar, autore di alcune canzoni in collaborazione con Starr.

Cosa ha detto Ringo Starr a proposito del nuovo singolo?

Le parole del batterista

Quando Diane mi ha presentato questa canzone, ne ho amato il sentimento. Questo è il tipo di canzone che tutti noi vogliamo cantare insieme, ed è stato fantastico il numero di musicisti meravigliosi che si sono uniti a noi. Volevo che uscisse in tempo per Capodanno perché sembra una buona canzone per concludere un anno difficile. Quindi eccoci alle notti che non ricorderemo e agli amici che non dimenticheremo – e auguro a tutti pace e amore per il 2021“. Queste le dichiarazioni di Ringo Starr riportate dalla webzine Xsnoize.

La formazione dell’Ep

La formazione di questo Zoom In è prestigiosa: abbiamo Nathan East (basso), Steve Lukather (chitarra), Bruce Sugar (chitarra synth), Benmont Tench (piano), Charlie Bisharat (violino), Jacob Braun (violoncello) e Jim Cox (arrangiamenti e archi synth). L’ultimo lavoro pubblicato dall’ex membro dei Fab Four era What’s My Name, album uscito nel 2019.


Ringo Starr: il batterista dei Beatles e non solo

Approfondimento su The Long And Winding Road dei Beatles

50 anni dalla fine dei Beatles: ecco com’è andata veramente

Commenti