Ride or Die: Netflix trasforma una storia manga

0
221
Ride or Die

Ride or Die. Poche cose sembrano pigre come un film ordinato. Quando tutte le questioni in sospeso vanno a posto con grazia, e non una singola trama rimane sospesa, una storia può sembrare troppo ingegnerizzata per essere reale.

Che tipo di film è Ride or Die?

Le persone non sono creature pulite e ordinate: facciamo cose che non hanno senso. Crediamo alle bugie e cediamo all’amore non corrisposto. Ma anche quando la storia di un film è totalmente inventata, le emozioni devono essere reali per connettersi con il pubblico. Abbiamo bisogno del tipo di disordine che deriva dalle relazioni reali. L’importazione giapponese di Netflix Ride or Die è tutta incasinata. Le emozioni sono disordinate, la fuga è disordinata. E anche i litri di sangue sono disordinati.

Su cosa si concentra il film?

Diretto da Ryuichi Hiroki, Ride or Die è stato adattato per il cinema dalla serie manga di Nakamura Ching Gunjo. Nella tradizione delle storie di manga yuri, si concentra su una relazione, sebbene questa sia molto più complicata di una cotta da scolaretta o di un semplice incontro.

Trama

Rei (Kiko Mizuhara) viene presentata mentre si reca in un cavernoso nightclub sotterraneo. Dopo aver fatto un giro intorno al bar, in una singola ripresa a mano libera, mette gli occhi su un uomo che è seduto da solo. Non è chiaro cosa la attiri in particolare, ma lei attira la sua attenzione offrendogli da bere e presto sono in un taxi insieme e lei sta spingendo gentilmente perché lui la porti a casa.

Commenti