Revolver – Le cose che non sapete sulla canzone dei Beatles

0
286
Revolver dei Beatles - Cover

Revolver, pubblicato il 5 agosto 1966 è stato il più grande spartiacque musicale per i Beatles. Il gruppo non era mai uscito con una tale qualità. Paul McCartney non aveva mai scritto così bene e John Lennon lo segue. Mai una band si era immersa così a fondo nella magia dello studio. Mai, semplicemente, un collettivo musicale ha fatto così tanto per cambiare il concetto stesso di come il suono potrebbe essere prodotto, a livello di puro divertimento e al livello di arte completa.

Sgt. Pepper ha prodotto una serie di leggende su come è stato creato e cosa ha prodotto, mentre Revolver è sempre rimasto nascosto. Ma possiamo rimediare raccontandovi alcune cose che potreste non sapere su questo brano.

Revolver e l’ADT

Revolver ha aperto la strada all’uso di una delle armi sonore segrete dei Beatles. Se c’è un ingrediente chiave nel mix sonoro di Revolver, è una tecnica che i Beatles e George Martin hanno sperimentato per la prima volta chiamata Artificial Double Tracking: ADT, per quelli che sanno. È quello che senti in “Tomorrow Never Knows”, per esempio, quando la voce di Lennon diventa completamente extra-terrestre.

“Artificial Double Tracking prende l’immagine di un suono e lo ritarda leggermente, o lo fa avanzare leggermente, in modo che si formi il doppio”, ha detto George Martin nell’antologia dei Beatles. “Se pensi in termini fotografici, è come avere due negativi: quando metti un negativo esattamente sopra l’altro c’è solo un’immagine. Quindi, se hai un’immagine sonora esattamente sopra l’altra, allora diventa solo un’immagine. Ma spostalo leggermente, di pochi millisecondi.” Lennon lo ha detto in modo più succinto: “‘Double-flanging’, lo chiamiamo”.


A Hard Day’s Night: il film sui Beatles
22 GIUGNO 1964: Prima esibizione dei Beatles in Nuova Zelanda


Revolver non è una pistola

L’album prende quasi il nome da un gioco di parole di Ringo Starr. In realtà l’album si sarebbe dovuto intitolare After Geography, il terribile gioco di parole di Ringo Starr su Aftermath dei Rolling Stones. Per quanto riguarda il titolo finale, è un riferimento a ciò che fa un album: ruota. Mai una band ha amato i giochi di parole come i Beatles. E qui se la sono cavata con poco.

McCartney ha scritto “Here, There and Everywhere” mentre aspettava che Lennon si alzasse dal letto

Paul McCartney si presentò alla villa di Kenwood di John Lennon per una sessione di scrittura di Revolver, ma lo trovò ancora a letto, nonostante fosse pomeriggio. “Mi sono seduto a bordo piscina su una delle sdraio con la mia chitarra”, dice McCartney in Many Years From Now di Barry Miles.

Non molto tempo dopo, ha prodotto “Here, There and Everywhere”, che divenne una delle canzoni dei Beatles preferite da Lennon. “John potrebbe aver aiutato con alcune ultime parole”, continua McCartney. “Quando l’ho cantata in studio ricordo di aver pensato, la canterò come Marianne Faithfull.”

La playlist di Revolver

Commenti