Recensione Justice League – Lo scontro tra bene, male e ottusità

0
319
justice League

Il regista originale di questo film, Zack Snyder, ha dovuto farsi da parte dopo una tragedia familiare e Joss Whedon è subentrato, raccontando di aver ripreso tra il 15 e il 20% del film, e non sappiamo se questa percentuale include o meno il finale.

È uno stato di cose infelice che può spiegare la tendenza del film alla mancanza di forma.

Justice League – Trama

Siamo a pochi mesi dal terribile destino di Superman e enormi, cupi stendardi sono appesi su monumenti pubblici di tutto il mondo, incluso il Tower Bridge di Londra. Le persone ovunque sono demoralizzate. Quindi diventa molto chiaro che si sta materializzando una terribile nuova minaccia per il Pianeta Terra: una forza del male e della distruzione sotto forma di Steppenwolf (interpretata in motion capture digitale da Ciarán Hinds).

Bruce Wayne (Ben Affleck) che in costume e maschera viene ancora chiamato con quel primitivo nome prototipo “uomo pipistrello” e continua a parlare con voce profonda, anche di fronte a persone che già sanno chi è, persuade Diana Prince, altrimenti nota come Wonder Woman – e interpretata piacevolmente da Gal Gadot – che un nuovo supergruppo di eroi dovrebbe essere riunito sotto il loro comando congiunto. I metaumani devono essere arruolati. Saranno il velocissimo Barry Allen, o il Flash (Ezra Miller), l’ibrido tecnoumano Victor Stone o Cyborg (Ray Fisher) e Arthur Curry, o Aquaman.

Momoa (Acquaman) porta un po’ di umorismo in questo film, in particolare con la confessione involontaria di un certo interesse per Wonder Woman, ed Ezra Miller fa del suo meglio con Flash, il cui compito è quello di fornire l’umorismo nerd, incredulo, alienato. Anche Ray Fisher fa del suo meglio con una figura seminascosta nell’armatura hi-tech.

Ma Ben Affleck è disinvolto e a disagio nel ruolo di Batman / Bruce, poco convincente sia nella maschera da pipistrello che nell’abito a tre pezzi del ricco plutocrate. “Qual è la tua superpotenza?” chiede The Flash e Bruce risponde: “Sono ricco”.

Affleck diffonde un velo di ottusità sul film. Non ha l’implacabile ferocia e la convinzione che aveva Christian Bale, sembra avere una debole lucentezza di sudore, come se il termostato della Batcaverna fosse troppo alto, e i suoi tentativi di umorismo traballante e saggezza di vecchia generazione fanno sembrare il suo Batman maestoso e marginale. Forse dovremmo riavere George Clooney per questo ruolo.

Spetta a Wonder Woman di Gal Gadot rallegrare un po ‘le cose, soprattutto all’inizio, con il suo drammatico intervento a Londra contro un gruppo di auto-dichiarati “terroristi reazionari” che invadono l’Old Bailey e minacciano un’esplosione con una bomba attaccata a un dispositivo timer con il tradizionale display con conto alla rovescia LCD. Dicono che causerà devastazione per “quattro isolati”. (Isolati? In quale città ci troviamo, di nuovo?) Wonder Woman finisce in posa, con grande aplomb, in cima alla statua della giustizia. Un bel tocco. È Wonder Woman che fornisce il collegamento con il mondo antico, e con esso la surrealtà e l’esotismo.

Alla fine, però, c’è qualcosa di pesante e ingombrante nella Justice League; la grande rivelazione è molto laboriosa e solenne e la fastidiosa puntura post-crediti è un microcosmo della delusione del film. È necessaria una certa giustizia approssimativa con il casting di questo franchise.

Dove vedere Justice League

Il film Justice League sarà in onda questa sera, 23 gennaio 2020, in prima serata su Italia 1.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here