Pretty Cure: un nome per tante eroine

0
183

In principio furono Nagisa e Honoka: oggi, quasi vent’anni dopo, le Pretty Cure sono arrivate a contare ben 55 eroine.

Chi sono le Pretty Cure?

Cominciamo con qualche numero: 55 eroine, le Pretty Cure, appunto. Venti serie, di cui l’ultima in arrivo nel 2023. Trentuno lungometraggi. Sembrava solo la classica storia di majocco, ma è finita col diventare molto di più: un intero franchise, che non accenna a fermarsi.


Terry e Maggie le gemelle magiche del mondo manga


Le prime Pretty Cure

Come dicevamo poco sopra, in origine furono due. Nagisa Misumi è Cure Black: bionda, sbarazzina, espansiva, fa parte del club di lacrosse della scuola. Honoka Yukishiro è Cure White: bruna, timida e riservata, studiosa e facente parte del club di chimica. Le due adolescenti non si conoscono, essendo in tutto opposte, così come anche i loro interessi: a farle incontrare è una missione affidata loro da due misteriosi animaletti, Mipple e Mapple, che saranno i loro compagni di viaggio. Come in ogni majocco, le due eroine possono trasformarsi e combattere sia insieme che separate: ma solo in coppia possono vincere. Il legame fra le due ragazze si sviluppa infatti ben oltre quello tra compagne di squadra: come la luce e le tenebre, Nagisa non può fare a meno di Honoka, e viceversa.

La seconda serie e Shiny Luminous

Come anche le Pretty Cure 5, Honoka e Nagisa sono protagoniste di due serie. La seconda aggiunge al suo nome Max Heart, e una nuova alleata: Hikari Kujou, Shiny Luminous, dai poteri ben più forti di quelli delle compagne. Tornano i nemici della prima stagione, e anche l’interesse amoroso di Nagisa: ma al pari di tutte le altre serie, la parte sentimentale rimane sempre sullo sfondo, non è mai trattata con profondità. A farla da padrone sono sempre il rapporto fra le due eroine, più legate che mai, e gli spettacolari combattimenti.

Splash Star

Nella terza stagione Nagisa e Honoka lasciano il passo ad altre due giovani studentesse, a dir la verità molto simili a loro: Saki (Cure Bloom) e Mai (Cure Egret). Sarà soltanto fino a qui che le Pretty Cure saranno in coppia, poiché dalla quarta stagione in poi diventerà una squadra, un po’ più nello stile Sailor Moon e cose simili.

Da Yes! Pretty Cure 5 a oggi

Il titolo stesso ci rivela il numero delle nuove maghette. Sono cinque infatti le protagoniste, a cominciare da Nozomi (Cure Dream), per continuare con Rin (Cure Rouge), Urara (Cure Lemonade), Komachi (Cure Mint) e per terminare con Karen (Cure Aqua). Avendo qui di fronte un gruppo, con caratteri diversi, buona parte della serie si fonda proprio sulla necessità di andare d’accordo il più possibile per mantenere l’armonia. A loro si uniscono una serie di strani personaggi, amici e nemici, e nella serie seguente, GoGo, entra nel gruppo una nuova guerriera: Kurumi, che sarà Milky Rose.

Gli adattamenti italiani

Nel nostro Paese sono arrivate sino a ora soltanto sette stagioni, le prime, tutte acquistate dalla Rai e mandate in onda dal 2005 al 2013 (successivamente replicate su Rai Gulp). In seguito Netflix ha ottenuto, nel 2015 e nel 2017, di mandare in onda altre due stagioni: poi il silenzio. C’è però da dire che questo manga è stato molto meno bistrattato di tanti altri, forse perché i tempi sono cambiati: nessun nome è stato modificato, ad esempio, e in sostanza sono state poche le modifiche effettuate. In patria il franchise continua ad avere molto seguito, mentre in Italia è quasi caduto nel dimenticatoio. Un vero peccato.

Commenti