Phineas Gage di Roberto Angelini

0
592
Phineas Gage copertina

Phineas Gage è un vecchio album di Roberto Angelini del 2012, per l’ etichetta Fiori Rari.
L’album era stato pubblicato a tre anni di distanza da La Vista Concessa e numerosi progetti collaterali.

Perché ascoltare Phineas Gage?

Phineas Gage è un lavoro in cui tutta l’esperienza raccolta tra collaborazioni, album e live, lo scambio di energie, le prospettive e la ricerca, si ricollegano tra loro. Il risultato è un album in cui è evidente, nella forte alternanza tra brani strumentali e non, la scelta di sperimentare oltre le regole.
Phineas Gage era la nuova forma di Roberto Angelini che dal percorso compiuto negli anni trae spunto, ma che arricchisce e rende ancora più complesso attraverso l’attenzione a sonorità elettroniche, ambient e alle sue interazioni.

Perchè si intitola Phineas Gage?

Il titolo dell’album è il risultato di una scelta verso una ricerca musicale “sincera e libera” soprattutto nei suoni. Il nome, Phineas Gage, è quello di un operaio statunitense addetto alla costruzione di ferrovie che sopravvisse miracolosamente ad un incidente sul lavoro nonostante la grave ferita infertagli da un’asta di metallo che gli trapassò il cranio. Diventò uno dei casi di studio più famosi in neurologia perché già dopo pochi minuti dall’accaduto Gage era di nuovo cosciente e in grado di parlare. La sua personalità però subì radicali trasformazioni, molto forti e a volte poco piacevoli, ma cominciò da allora a rapportarsi con le persone tirando fuori,senza filtri e bugie, i suoi pensieri a volte con modi poco convenzionali.
Una “schiettezza” cercata, nel caso di Roberto Angelini, nei suoni di un album in cui si espone e si sperimenta in un viaggio intimista in cui non solo le parole raccontano.

Keith Richards: un nuovo album “diverso” per gli Stones
Therion: disponibile il nuovo singolo Leviathan
Machine Head pubblicano un nuovo singolo

Commenti