Patrick De Luca: esce “Asfalto e nuvole”

0
276
Cover di

Patrick De Luca, in lizza per il Premio Lucio Dalla, dona voce e luce alle silenti ombre della società odierna.

Chi è Patrick De Luca?

Patrick De Luca è un cantautore italiano classe ‘93. Nel settembre 2015 si iscrive all’Accademia delle Arti “Born To Play”, all’interno della quale segue corsi e lezioni di canto. Un anno più tardi giunge alla seconda fase del Tour Music Fest grazie a una masterclass svoltasi al prestigiosissimo C.E.T. di Mogol, da cui ottiene ottimi feedback. Nel 2021 firma il primo contratto discografico, pubblicando due mesi più in là “Voglio dirti qualcosa”. Nel giugno 2021 è il turno di “In questa notte buia”, release che riscuote un notevole successo di pubblico e critica e lo porta al contest “New Vibe Music Festival”. Vince il Premio Stampa e a settembre concorre all’”IMTV SONG CONTEST”, dal quale esce come Miglior Artista. Il 2022 si apre con “Asfalto e nuvole”, un’intensa ed emozionante narrazione.

Patrick De Luca: Asfalto e nuvole

Quando il talento incontra l’anima, il risultato è un brano capace di catturare menti e cuori in un solo istante. In questo singolo di Patrick De Luca convivono tematiche complesse che contraddistinguono gli artisti più sensibili. L’urgenza comunicativa del giovane cantautore va a braccetto con una consapevolezza acquisita nel tempo. “Asfalto e nuvole”. Questo nuovo singolo fa di De Luca una delle più promettenti firme del nuovo cantautorato italiano e gli apre le porte all’illustre Premio Lucio Dalla. “Asfalto e nuvole è un “brano nato e pensato per tutti, per tutte le persone che percepiscono la Vita nella Sua interezza, nella Sua sensibilità, nella Sua Grandezza”, dichiara De Luca.

“Trasformare la fragilità in forza”

Asfalto e nuvole”, aggiunge De Luca, “l’ho scritta per raccontare problematiche attinenti alla sfera mentale, come l’ansia e la depressione. Il brano vuole portare a galla le debolezze di un essere umano, senza definirle e senza etichettarle come giuste o sbagliate, ma designandole come necessarie per capire meglio se stessi. È solo accettando le nostre fragilità che potremo trasformarle in forza”.

Commenti