Our Friend: Dakota Johnson e Casey Affleck parlano del film

0
385
Our Friend
Our Friend

Our Friend, il film, interpretato da Dakota Johnson e Casey Affleck nei panni della coppia, include la presenza di Jason Segel, un amico che mette la propria vita in attesa per stare con loro, aiutandola con le sue cure e con le loro due ragazze. Non solo, ma il film, della regista Gabriela Cowperthwaite, è basato su una storia di vita reale.

Cosa hanno detto gli attori su “Our Friend”?

Tutti e tre gli attori si sono uniti a Zoom all’inizio di febbraio per chattare con The Envelope per affrontare la prima accoglienza critica, il modo in cui si sono uniti sul set e l’incomprensione del Super Bowl. Ma se non hai visto il film, nota che ci sono spoiler in vista.

Qual è stata la tua dinamica lavorativa?

Dakota Johnson: “Entrambi questi ragazzi sono stati in grado di portare leggerezza e profondità quando necessario. Fortunatamente abbiamo sentito tutti la stessa musica e siamo stati in grado di uscire. A volte nei film, tra una ripresa e l’altra, tutti scompaiono. Siamo rimasti tutti insieme. Invece di tornare ai nostri trailer e aspettare, uscivamo, giocavamo e continuavamo le relazioni. Un aspetto del film che sembra così fresco è l’amicizia maschile. Vediamo molte commedie di amici, ma non so che i film trascorrano molto tempo con ragazzi che sono veri amici”.

Casey Affleck

“Voglio essere in disaccordo con te. Abbiamo molti di quei film. Quello che non vedo sono uomini e donne in amicizie complicate, a meno che non coinvolgano il sesso. Amo il rapporto tra Jason e Dakota. È qualcosa che non vedi molto”.

Jason Segel

“Questo film ha avuto una sorta di intimità nelle amicizie maschili, in cui c’è bisogno l’uno dell’altro, al contrario di “siamo diversi, ma dobbiamo imparare ad andare d’accordo”. “Questo film ha offerto, come, una morbidezza, una mancanza di spavalderia, tra le dinamiche maschili. Non vedi gli uomini dire molto “Ho bisogno di aiuto” – e l’intera premessa di questo film è un ragazzo che finalmente dice: “Ho bisogno di aiuto”.

Avete letto tutti il ​​saggio di Matthew Teague, “Il mio amico”, da cui è tratto il film. Alcuni dialoghi nel film sono presi direttamente da quel saggio, ma ci sono aree chiave nel saggio che non vengono affrontate nel film. Cosa ne pensi delle differenze?

Affleck: ho sentito parlare di questo argomento. Non credo che il saggio abbia una certa vicinanza alla verità che il film non ha. Gabby [Cowperthwaite] non ha mai voluto dire: “Questa è la storia di X; è esattamente così che è successo. ” La prima volta che le ho parlato, ha detto: “Voglio fare una storia che non sia punitiva da guardare”. Non ti colpisce in testa con la tristezza dell’evento. E penso che l’abbia fatto davvero bene. Il saggio era una specie di verruche e tutto, coraggioso guarda il cancro e muori. Ma non è questo il film che Gabby voleva fare”.

Aspetta, cosa ha fatto?

Johnson: Mi ha appena mandato un messaggio dicendo: “È perché Dakota non è più così giovane”. È vero, sto invecchiando. Sembra che accada più velocemente durante COVID. Ma [il film] tocca davvero la commedia della vita, l’ilarità e la tragedia. Il background di Gabriela come documentarista è davvero importante, perché ci sono momenti così reali e non artificiosi, che sono così umani. È un momento devastante in questo momento e l’unica cosa che puoi fare è semplicemente amarti e fare la scelta di farlo.

Segel

Segel: “Gabby voleva concentrarsi su un elemento diverso: questa complicata dinamica di amicizia che li ha aiutati a superarla. Penso che probabilmente abbia influenzato la sua intera scelta di concentrarsi su queste amicizie nel corso degli anni, invece di limitarsi a guardare Dakota scena per scena che peggiorava sempre di più”.

Hai sentito Matt o Dane?

Segel: Non ho sentito nulla da Dane. È una persona molto riservata. Ero a Toronto con lui e Dakota e lui sembrava felice. È uno degli sceneggiatori del film, molto coinvolto.

Affleck

Affleck: Matt ha detto che ne era davvero orgoglioso. Non so come si sia sentito a leggere le recensioni, perché scommetto che è stata un’esperienza emotiva, avere persone che parlano degli eventi della tua vita nel modo in cui le persone sono abituate a parlare di film, il che è un po ‘insensibile. Può essere piuttosto spiacevole, schietto e irritante. (Our Friend)

Commenti