Oscar: critiche e sorprese degli ultimi anni

0
251
notte degli Oscar

Con il voto all’Oscar ufficialmente in corso, i membri dell’Accademia si stanno accoccolando e recuperando tutti i film di quest’anno di idoneità estesa.

Che tipo di stagione è?

Indiscutibilmente la stagione di premiazione più difficile da leggere nella storia moderna, ci sono dozzine di interpretazioni di come la stagione si modificherà e dove le menti degli elettori di AMPAS sono in gara.

Gli elettori internazionali

Alcuni sostengono: basta guardare il botteghino, questa è l’unica sovrapposizione degli elettori Oscar. Altri dicono che gli elettori dell’Accademia sono scollegati dalla stagione e tutto è possibile. La verità è che è da qualche parte nel mezzo, ma la mia teoria è che gli elettori internazionali possono essere l’inclinazione per vari film e spettacoli.

Nessuna festa

Quest’anno non ci sono feste, eventi di proiezione o incontri casuali con gli elettori. Stiamo leggendo la temperatura attraverso telefoni cellulari, e-mail e riunioni Zoom. Alla fine, quasi 10.000 elettori possono dire una cosa pubblicamente e qualcosa di diverso privatamente, a seconda di chi si trova dall’altra parte della linea.

Le critiche più scioccanti 2010

scioccante: Javier Bardem, “Biutiful” (miglior attore)

Esclusione scioccante: Andrew Garfield, “The Social Network” (miglior attore non protagonista)

Inclusione artigiana: “I Am Love” (miglior design di costumi)

Esclusione artigiana: “Shutter Island” (migliore direzione artistica, ora chiamata design di produzione)

I vincitori precedenti possono spesso intrufolarsi nelle categorie di recitazione, e Javier Bardem è stato in grado di farlo su artisti del calibro di Robert Duvall (“Get Low”) e Ryan Gosling (“Blue Valentine”) per il film nominato in lingua straniera di Alejandro González Iñárritu ” Biutiful ”dal Messico. Una delle sopracciglia che ha sollevato le sopracciglia è stata l’omissione di Andrew Garfield per uno dei migliori apripista cinematografici, “The Social Network” di David Fincher.

Oscar: 2011

Inclusione scioccante: “Estremamente rumoroso e incredibilmente vicino” (immagine migliore)
Esclusione scioccante: David Fincher, “La ragazza con il tatuaggio del drago” (miglior regista)

Inclusione artigianale: “A Cat in Paris” (miglior film d’animazione)
Esclusione artigiana: “The Help” (miglior design dei costumi)

La mattina della nomination all’Oscar, quella che sembrava una probabile formazione di otto film per il miglior film è stata rapidamente messa a dura prova dal pubblico quando il cartellino del titolo si è capovolto e ha mostrato Tom Hanks e il giovane Thomas Horn da “Estremamente forte e incredibilmente vicino” di Stephen Daldry, un film della Warner Bros che ha ricevuto una frustata dalla critica. Nonostante una gilda quasi perfetta per “La ragazza con il tatuaggio del drago” di Fincher, tranne che ai premi SAG, Fincher e il film non sono riusciti a entrare nella rosa dei candidati ai primi posti.

Oscar: 2015

Inclusione scioccante: Tom Hardy, “The Revenant” (miglior attore non protagonista)

Esclusione scioccante: Idris Elba, “Beasts of No Nation” (miglior attore non protagonista)

Inclusione artigianale: “The 100-Year-Old Man Who Climbed Out of the Window and Disappeared” (miglior trucco)

Esclusione artigiana: “Star Wars: The Force Awakens” (miglior design di produzione)

Leonardo DiCaprio ha vinto il premio come miglior attore come l’uomo di frontiera Hugh Glass in “The Revenant” di Alejandro González Iñárritu, e nella bolla per la maggior parte della stagione dei premi c’era il suo co-protagonista Tom Hardy, che ha ottenuto solo una nomination ai Critics Choice fino alla mattina degli Oscar. Venendo a spese del vincitore del SAG Idris Elba e Michael Shannon (“99 Homes”), Hardy si è fatto strada nel mix, mantenendo un trend interessante. Ognuna delle nomination di attore protagonista di DiCaprio ha portato con sé un attore non protagonista per la corsa: “The Aviator” (Alan Alda), “Blood Diamond” (Djimon Hounsou), “The Wolf of Wall Street” (Jonah Hill), “The Revenant ”e più recentemente“ C’era una volta a… Hollywood ”(vincitore dell’Oscar Brad Pitt).

Commenti