Nome Di Donna – cast, trama e info sul film in prima TV su RAI 3

"Nome Di Donna" è un film di Marco Tullio Giordana con protagonista Cristiana Capotondi. L'opera è dedicata al tema delle molestie sul posto di lavoro.

0
891

Dopo essere stata protagonista di una fiction televisiva andata in onda in prima visione su RAI 1 (QUI PER APPROFONDIRE), Cristiana Capotondi è di nuovo protagonista di una prima visione RAI, questa volta su RAI 3. L’attrice interpreta infatti il personaggio principale di “Nome di Donna”, film che fa il suo debutto in TV proprio questa sera. Diretto e sceneggiato da Marco Tullio Giordana, il film include un cast formato dai seguenti interpreti: Cristiana Capotondi, Valerio Binasco, Stefano Scandaletti, Michela Cescon, Bebo Storti, Laura Marinoni ed altri interpreti. Il film è stato pubblicato nei nel 2018 ed è classificato come drammatico e giallo.

TRAMA: Nina è una giovane donna che si è appena trasferita in Brianza insieme a sua figlia, in cerca di un lavoro che le permetta di costruirsi un futuro stabile. Tutto sembra andare per il meglio nel momento in cui ottiene un posto di lavoro presso una casa di riposo, tuttavia l’idillio viene rovinato quando il proprietario dell’ospizio inizia a rivolgerle avance molto insistente, sprofondando dunque nella molestia. La donna si decide dunque di denunciarlo, ma con suo grande rammarico è costretta a scontrarsi con l’omertà delle sue colleghe…

Il significato del film “Nome di Donna”

Realizzato sulla scia del caso Weinstein e del movimento Me Too, che in Italia ha potuto contare su una grande visibilità dovuta al coinvolgimento di Asia Argento nelle vicende, Marco Tullio Giordana ha voluto prendere posizione circa la vicenda. Nel farlo, il regista si è comportato nel modo in cui qualsiasi artista dovrebbe fare, ma che nell’epoca dei social network spesso tende ad essere sostituita dai semplici tweet: creare un’opera d’arte che sia in grado di veicolare un messaggio.

Nella sua filmografia, del resto, Tullio Giordana crea spesso personaggi che cercano di costruire un mondo migliore di quello in cui vivono: in questo caso la protagonista cerca di sovvertire una società maschilista in cui le donne sono subordinate ad ogni capriccio di un maschio-padrone, il che poi è proprio lo scopo principale di Me Too. Le molestie sul posto di lavoro sono una piaga che esiste da sempre, ma opere come questa cercano di spronare le vittime a non sentirsi più dei “casi isolati”, a fare anzi comunità e denunciare: per questo è importante che un’opera simile abbia posto nel servizio pubblico televisivo.

Come guardarlo

“Nome Di Donna” andrà in onda stasera, 17 aprile 2020, in prima serata e prima visione su RAI 3. L’opera è anche disponibile in streaming su alcune piattaforme. Di seguito il trailer.

Commenti