Nina Simone Nacque oggi. Auguri!

0
732
nina simone

Nina Simone è stata una delle voci femminili leggendarie che mescolava jazz, blues e folk. La sua voce piena calda ed accogliente avvolge e rapisce l’ascoltatore trasportandolo in altre dimensioni a volte maliconiche.
Il picco della sua carriera è stato negli anni ’50 e ’60 per poi riprendere vita negli anni ’80, ma Nina non era solo una cantante, era impegnata socialmente come attivista per i diritti civili.

I primi anni di vita di Nina Simone

Nata come Eunice Kathleen Waymon, il 21 febbraio del 1933 a Tryon, North Carolina, ebbe il primo approccio con la musica che era ancora una bambina molto piccola. A 3 anni suonava il piano e cantava nel coro della chiesa.
Durante gli anni della scuola, il suo insegnante di musica, ha contribuito a costituire un fondo speciale per finanziare l’educazione di Simone e, dopo aver terminato il liceo, lo stesso fondo è stato utilizzato per inviare il pianista alla famosa Juilliard School of Music di New York per avere una preparazione di alto livello.

NinaSimone, durante gli anni di studio alla Juilliard, ha insegnato pianoforte e ha lavorato come accompagnatrice per altri artisti, sfortunatamente ha dovuto lasciare la scuola dopo aver finito i fondi, non riuscendo a completare il percorso i studi.
Trasferitasi a Philadelphia, ha vissuto lì con la sua famiglia per risparmiare denaro e partecipare a un programma musicale più economico.
La sua carriera ha preso una svolta inaspettata quando fu respinta dal Curtis Institute of Music di Philadelphia; successivamente Nina affermò che la scuola negò la sua ammissione perché era afro-americana.

Si discostò dalla musica classica, ed iniziò a suonare generi “standard” americani, come il jazz e il blues, nei club di Atlantic City negli anni ’50. Scelse il nome d’arte Nina Simone: “Nina”, derivato dalla parola spagnola “niña”, un soprannome usato dal suo fidanzato dell’epoca, mentre “Simone” è stato ispirato dall’attrice francese Simone Signoret.

Nina Simone iniziò a registrare la sua musica alla fine degli anni ’50 con l’etichetta Betlemme, pubblicando il suo primo album completo nel 1957, che conteneva “Plain Gold Ring” e la traccia del titolo “Little Girl Blue“. Comprendeva anche la sua hit entrata nella pop Top 20 con la sua versione di “I Loves You Porgy“, dal musical George and Ira Gershwin Porgy and Bess.

Sotto diverse etichette, Simone pubblicò una serie di album tra la fine degli anni ’50 e gli anni ’60 e l’inizio degli anni ’70, inclusi dischi come The Amazing Nina Simone (1959), Nina Simone Sings Ellington! (1962), Wild Is the Wind (1966) e Silk and Soul (1967). Ha anche realizzato cover di brani di musica popolare, alla fine mettendo la propria personale su canzoni come “The Times They Are A-Changin” di Bob Dylan e “Here Comes the Sun” dei Beatles. E ha mostrato il suo lato sensuale con brani come “Take Care of Business” nel 1965 I Put a Spell on You e “I Want a Little Sugar in My Bowl” nel 1967 di Nina Simone Sings the Blues.

In molti modi, la musica di Simone, sfidava le definizioni standard, era spesso chiamata “Alta Sacerdotessa dell’Anima“, anche se odiava quel soprannome. Non le piaceva l’etichetta di “cantante jazz”, e si espresse in merito: “Se dovessi essere chiamata qualcosa, avrebbe dovuto essere una cantante folk perché c’erano più folk e blues che jazz nel mio modo di suonare“, scrisse in seguito nella sua autobiografia.

La lotta per i diritti civili e musica

A metà degli anni ’60, Simone divenne nota come la voce del Movimento per i diritti civili. Ha scritto “Mississippi Goddam” in risposta all’assassinio di Medgar Evers nel 1963 e all’attentato alla chiesa di Birmingham che ha ucciso quattro giovani ragazze afroamericane. Ha anche scritto “Four Women”, raccontando le complesse storie di un quartetto di figure femminili afro-americane, e “Young, Gifted and Black”, prendendo in prestito il titolo di un’opera teatrale di Hansberry, che ben presto divenne un inno popolare. Dopo l’assassinio del reverendo Martin Luther King Jr. nel 1968, il bassista di Simone Greg Taylor ha scritto “Why (The King of Love Is Dead)”, che è stato eseguito dalla cantante e dalla sua band al Westbury Music Festival.

Durante gli anni ’60, Simone ebbe importanti successi anche in Inghilterra con “I Put a Spell on You”, “Ain’t Got No-I Got Life / Do What You Devi Do” e “To Love Somebody“, con quest’ultimo scritto da Barry e Robin Gibb e originariamente interpretato dal loro gruppo Bee Gees.

Mentre gli anni ’60 volgevano al termine, Nina era stanca della scena musicale americana e della politica razziale profondamente divisa nel paese. Dopo essere stata vicina a Malcolm X e Betty Shabazz a Mount Vernon, New York, si trasferì vivendo in diversi paesi, tra cui Liberia, Svizzera, Inghilterra e Barbados, prima di stabilirsi nel sud della Francia. Ma la sua vita non è sempre stata liscia, per anni, ha lottato con gravi problemi di salute mentale e con i problemi finanziari, spesso si scontrava con il manager, le etichette discografiche e l’Internal Revenue Service.

Nina Simone, si prese una pausa dalle registrazioni a metà degli anni ’70, tornò nel 1978 con l’album Baltimore, con il titolo di una cover di una melodia di Randy Newman. I critici hanno dato un caloroso benvenuto all’album ma, tuttavia, non ha avuto buoni risultati commerciali.

La cantante ha visto una rinascita della carriera negli anni ’80, quando la sua canzone “My Baby Just Cares For Me” fuutilizzata nello spot del profumo Chanel n. 5 nel Regno Unito. La canzone divenne così una delle 10 migliori hit in Gran Bretagna nel 1985. Ha scritto la sua autobiografia, I Put a Spell on You, che è stata pubblicata nel 1991. La successiva registrazione, A Single Woman, uscì nel 1993.

La casa d’infanzia un museo in rovina

La casa d’infanzia di Nina Simone, sita in Tryon, North Carolina, è indiscutibilmente un tesoro nazionale americano ma, a causa delle intemperie e dell’inesorabile passare del tempo la ruggine ha preso il sopravvento, le assi di legno stanno marcendo e la vernice ormai si è sfaldata.

Era una meta turistica con tanto di possibilità di visitarla all’interno, per questo hanno creato una raccolta fondi per ristrutturare l’abitazione. Come già detto in precedenza, la casa è stata insignita dell’onoreficenza di tesoro nazionale, un’etichetta che è stata conferita meno di 100 volte in tutti gli Stati Uniti. Il team ha istituito una campagna di 18 mesi con un budget interno di $ 100.000, lavorando con la comunità locale, le organizzazioni locali no profit e il World Monuments Fund per elaborare un piano a lungo termine su come preservare lo spazio. Si stima che il restauro completo costerà circa $ 250.000.

Though the three-room home is not currently open to the public, you can explore it through a virtual reality tour from Google Arts & Culture, narrated by Grammy-nominated jazz vocalist, composer, actress, and playwright Nnenna Freelon.

Experience the full tour below.

In questo link è possibile fare un tour all’interno della casa, esplorando virtualmente tutti i luoghi d’infanzia, compresa la sua camera da letto: Take a Virtual Tour of Nina Simone’s Childhood Home

Commenti