Nicole Atkins: “Italian Ice” – Recensione Album

0
216

Non puoi pensare alla dolce ma audace cantautrice Nicole Atkins senza menzionare anche che è una maga italiana. Dall’inizio della sua carriera, la capacità della Atkins di dipingere il linguaggio dell’amore attraverso la sua voce ha reso l’ascolto più intimo e vulnerabile.

Anche Nicole Atkins non è estranea al settore in quanto ha calpestato l’amore per la musica per oltre un decennio con quattro album acclamati dalla critica. Nel 2007 la pubblicazione di Neptune City, a cui sono seguiti nel 2011  Mondo Amore, Slow Phaser del 2014 e l’indimenticabile Goodnight Rhonda Lee del 2017.

Il suono della Atkins è difficile da definire poiché spesso sperimenta diversi generi musicali che passano dal pop arrivando fino ad un dolce rock, a cui si aggiungono influenze di musica Blues, Jazz e Funk. Ora l’artista ha pubblicato Italian Ice il suo nuovo album e “regala” al proprio pubblico un album pieno di emozioni.

Italian Ice dà il via con il crudo e doloroso “AM Gold”. Una canzone di energia evangelica, voci gigantesche e forte armonia, Nicole Atkins fa luce sullo stato fatiscente del nostro mondo con un leggero gioco di parole e senso biblico con “Siamo bloccati nella spazzatura dell’Eden. Stiamo morendo di fame per quello che avremmo dovuto alimentare ” Nonostante ciò che sembra una realtà inevitabile,”AM Gold”sottolinea che il vero salvatore è la musica ed è qui che la gente del mondo può trovare libertà, umanità e unità.

L’album continua con “Mind Eraser”, uno dei singoli che ha anticipato l’album, brano dove la voce sussurrante e invitante della Atkins si mixa con la musica caratterizzata dall’utilizzo dei violini, chitarre e pianoforti che ti aiuta a raggiungere il traguardo psichedelico. 

Andando avanti, ci sono un paio di canzoni romantiche che si tuffano in una fusione graduale che sono dedicate al marito. C’è la melodia d’amore in “Forever”, così come la bizzarra ballata “Captain” che presenta voci dal britannico Daniel di Spoon.  

La cosa più ammirevole di Nicole Atkins è il modo in cui trasmette i suoi momenti più senza speranza attraverso la sua voce che ti costringe non solo a sentire ciò che ha da dire, ma anche a sentirlo come una ferita aperta. Il che ci porta a “St Dymphna”, la canzone che è in molti modi uno dei suoi pezzi più strazianti. Ammettendo che preferirebbe morire piuttosto che impazzire, la canzone rimbalza tra quella che sembra una preghiera per un completo crollo. Narrativamente, le canzoni che vanno avanti prendono una svolta più malinconica come in “Far from Home” dove sembra che l’artista stia cercando di consolare il suo amore. Poi c’è “These Old Rose” dove sembra che l’amore sia stato un fallimento.  

Con “In the Splinters”, l’artista arriva alla fine e a questo punto sta per rivelare la macchina volitiva, urlante e sensibile che è veramente. Di gran lunga la sua canzone più febbrile, inchioda un’esibizione vocale emozionante di dolore e perseveranza su tutti i pianoforti blues. Rimbalza dal canto imperfetto e talvolta usa il tono e il ritmo per pronunciare i testi. Anche se non è fino al coro celeste di voci che puoi sentire la maledizione sollevata dal suo corpo. 

Nel complesso, l’artista con Italian Ice semplicemente non può andare senza rendere omaggio alla Jersey Shore, oltre agli amici che incontrato lungo la strada con la quale condivide lo stesso amore per la musica e per la propria città. Italian Ice è un album affascinante e caotico pieno zeppo di personalità e passione. Voto 5/5

Commenti