Nicki Minaj: “Queen” il nuovo album – Recensione

0
651

Per quasi un decennio, Nicki Minaj è stata la regina del rap femmnile. La star nata a Trinidad è diventata una realtà musicale quando è stata scoperta dal rapper Lil Wayne nel 2009  con i suoi raps pieni di parole e molti alter ego. Si è fatta strada ed ottenuto il successo meritato con canzoni come “Super Bass” e “Starships”.

Sebbene abbia avuto successo, Nicki Minaj è rimasta una figura centrale all’interno dell’hip hop. Le sue faide accese con rapper femminili come Lil Kim e Remy Ma hanno intaccato la sua immagine pubblica. Recenti errori di carriera come la sua collaborazione con il rapper 6ix9ine. Ora la più grande minaccia posta a Nicki Minaj sembra essere l’arrivo della collega di New York, Cardi B, che ha infranto ogni record da quando ha pubblicato il suo successo virale “Bodak Yellow”. Il suo successo vorticoso ha messo le due rapper una contro l’altra.

Nicki Minaj si trova a un bivio con il suo quarto album in studio, “Queen . Con la sua immagine pubblica inacidita, potrebbe non essere la regina dei cuori … ma il suo ultimo album dimostra che lei è ancora la regina del rap?

Queen inizia con “Ganja Burns” e il dolce contrasto della sua voce cantante contro le sue barre di taglio, flettendo i muscoli lirici contro un battito tropicale. Raps: “Hanno fatto andare gli stregoni a seppellire la Barbie“, un riferimento al supposto treno di odio che sta tentando di bloccare la sua carriera. E ‘ancora più diretta quando fa “A differenza di molte di queste -almeno posso dire che ho scritto ogni rap che ho sputato” – sicuramente un chiaro riferimento a Cardi B.

“Majesty”, con Eminem e Labrinth, non è all’altezza dell’importante titolo dell’album; Eminem afferma sul suo versetto super veloce “Lascia che mantenga le cento, due cose non dovrebbero essere i tuoi temi di discussione. La regina e suo marito, l’ultima cosa che vorrai essere sono i nostri soggetti”.Sulla carta,”Majesty “dovrebbe essere una collaborazione entusiasmante, e in effetti è una delle poche missioni riuscite dell’album anche se a tratti si sente la mancanza di coesione tra i tre artisti.

“Barbie Dreams” è senza dubbio uno dei migliori brani di “Queen”, una puntata su “Just Playing (Dreams)” di Notorious BIG. La versione originale di Biggie lo fece rappare sui cantanti R & B a cui era attratto, ma Nicki Minaj lo usa come opportunità per arrostire una legione di atleti e altri artisti. La traccia impeccabile mostra che l’artista è goffa quanto arguta.

Per quanto possa essere dura, mostra ancora ai fan il suo lato vulnerabile: “Bed“, il secondo singolo estratto dall’album, la Minj duetta con la principessa del pop Ariana Grande per un brano seducente e giocoso mentre “Thought I Knew You” la unisce con The Weeknd. I due recitano la parte degli amanti della guerra e si scambiano le accuse meravigliosamente danneggiate l’uno contro l’altro. “Run & Hide” possiede una produzione inquietante che si svolge quando la Minaj si apre ai suoi problemi sulla fiducia.

Dopo il deludente “Chun Swae“, un’altra traccia troppo lunga (sebbene con un’incredibile opera vocale di Swae Lee), Queen torna a formarsi per il resto del disco. “Chun-Li” vede la Minaj alla sua massima presuntuosa e fa riferimento direttamente al suo cattivo comportamento nei confronti dei media.

La penultima canzone di Queen recita la collaborazione più forte dell’album, con il collega rapper americano-canadese Foxy Brown. “Coco Chanel” così il titolo del brano è un intrigante miscuglio di hardcore hip-hop e suoni caraibici. Quindi nel brano “Inspirations Outro” Nicki Minaj rende omaggio ad artisti caraibici come Bob Marley, Sizzla, Foxy Brown e Vybz Kartel.

Queen è l’album più importante della carriera di Minaj fino ad ora. È la prima volta nella sua carriera che ha affrontato una vera opposizione, e questo ultimo lavoro discografico suggerisce che la competizione tira fuori il meglio di lei. A certi punti potrebbe mancare di coesione, ma una cosa non è mai in dubbio: Nicki Minaj è ancora una delle migliori nel suo campo.

Commenti