NEW YORK: Kevin Spacey assolto dalle accuse di molestie

0
397
NEW YORK:

New York: Kevin Spacey e’ uscito indenne dal processo civile per molestie sessuali in cui un altro attore all’epoca minorenne, Anthony Rapp, aveva chiesto in risarcimento 40 milioni di dollari di danni. La giuria ha deciso nel giro di un’ ora e mezza.

New York: quale è stata la reazione di Kevin Spaecy alla lettura della sentenza?

Mentre veniva letto il verdetto, Spacey mascherato ha abbassatola testa e poi sembra si sia asciugato le lacrime. Qualche istante dopo, si è alzato, ha abbracciato i suoi avvocati e poi con il suo manager, Evan Lowenstein. Da parte sua, Spacey è passato oltre la folla e si è infilato in un SUV in attesa senza offrire alcun commento.

L’accusa

Rapp aveva accusato Spacey di essergli saltato addosso e aver cercato di far sesso con lui nel 1986 quando entrambi erano ancora attori di Broadway semisconosciuti e lui era appena quattordicenne. Il giudice, Lewis Kaplan, aveva già archiviato l’accusa di abusi sessuali e aveva lasciato alla giuria il compito di valutare se c’era stata un’aggressione.

New York: l’avvocato di Rapp

l’avvocato di Rapp Richard Steigman ha detto: “La giuria ha parlato. Antonio ha detto la sua verità. Rispettiamo il verdetto della giuria, ma non cambia la sua verità“.

Kevin Spaecy

Spacey si e’ sempre dichiarato innocente sia negli Stati Uniti che in Gran Bretagna dove e’ sotto processo per aggressioni sessuali: dopo il via libera del giudice, il procedimento all’Old Bailey si aprira’ solo nel giugno 2023 a causa del pesante arretrato del sistema giudiziario britannico.

New York: l’avvocato di Spaecy

Più tardi, l’avvocato di Spacey Jennifer Keller ha detto alla folla: “Questa era una giuria molto intelligente e altamente istruita – penso che 11 dei 12 fossero laureati. La maggior parte aveva una laurea. Sono persone molto, molto brillanti e potrebbero vedere tutto questo. Ha aggiunto: “Sig. Spaceey è profondamente grato per il sistema della giuria e per questa giuria in particolare“.

La mancanza dela camera da letto

Keller ha iniziato la sua dichiarazione conclusiva mostrando ai giurati una foto del monolocale che Spacey occupava nel 1986. Ha sottolineato, come avevano fatto gli avvocati di Spacey durante il processo, che non c’era una camera da letto separata. Rapp ha detto che prima che Spacey si avvicinasse a lui, stava guardando la televisione lontano dalla festa e che a un certo punto ha guardato attraverso una fessura nella porta della camera da letto e ha notato che tutti gli ospiti della festa se ne erano andati.

Il MeToo

Questo non è uno sport in cui ci si schiera con il MeToo o contro il MeToo. Il nostro sistema richiede prove a sostegno delle accuse di fronte a una giuria imparziale“, ha spiegato.

Commenti