“More Heroes” – Riflettori sul Punk: Impact

0
311
La band Impact

“More Heroes” è una rubrica dedicata alla scoperta dei più grandi nomi che hanno fatto la storia del punk, molti dei quali non conosciuti adeguatamente come meriterebbero. Oggi i riflettori sono puntati sugli Impact.

Ferrara Hardcore

Tra le band della scena hardcore emiliana, gli Impact rappresentano uno dei nomi più importanti, autori di un punk molto violento e politicizzato. Nati nel 1980 a Ferrara, la formazione ha subito moltissimi cambiamenti d’organico. Figure stabili di tutta la durata della loro avventura sono il chitarrista Stefano “Janz” Ragazzi e il batterista Alberto “Gigo” Gigante. Degli altri membri della band da citare sono il bassista Diego Fabbri (ex Disarmo Totale) e il cantante Massimo “Bistek” Ragazzi. E’ con questa formazione che verrà inciso, nel 1985, il capolavoro degli Impact, “Solo Odio”.

1980-1986

L’esordio discografico degli Impact avviene nel 1983 con uno split album realizzato assieme agli udinesi Eu’s Arse. In “Questa è La Loro Speculazione Di Morte” troviamo Andrea “Infa” alla voce e Bistek al basso. L’anno seguente, con l’ingresso di Fabbri e il passaggio di Bistek alla voce, la band è invitata a partecipare al disco “International P.E.A.C.E. Benefit Compilation”, un doppio album rilasciato dalla R Radical Records di Dave Dictator degli MCD e contenente brani di decine di gruppi hardcore da tutto il mondo, Italia compresa.

Solo Odio, capolavoro punk degli Impact
Copertina del primo Lp degli Impact dal titolo “Solo Odio”

Nel 1985 esordiscono con il loro primo LP, il già citato “Solo Odio”, considerato come uno dei dischi più importanti dell’hardcore punk italiano. A seguire viene rilasciato l’anno successivo l’EP “Attraverso l’Involucro”, prodotto dall’etichetta torinese Blu Bus di proprietà delle band Franti e Kina.

1986-1992 + 1995 e reunion

Dopo l’uscita di Bistek e Fabbri, la band pubblica altri due lavori che vedranno Gigo spostarsi da dietro le pelli al microfono. Per un periodo di tempo alla batteria troviamo Giovanni “Jeff” Pellino, il futuro cantante Neffa, con cui incidono nel 1989 l’EP “Inganno Senza Fine” che però sarà pubblicato soltanto un paio d’anni dopo. L’ultimo lavoro degli Impact s’intitola “Tutto Tace” e vede la luce nel 1990. Lavoro che però non lascia soddisfatti né i fan, né gli stessi membri della band che di fatto si scioglie da lì a poco. Nonostante ciò, il loro nome compare in uno split album assieme ai romani D.U.S.K. del 1995 benché della formazione originale degli Impact vi sia soltanto Janz.

Negli anni dal 2006 al 2017 la band si riunisce occasionalmente per qualche concerto. Nello stesso periodo esce il libro biografico dal titolo “Realtà Immutabili” (2011) e diverse compilation. L’ultima, “80-87” (2005) contiene l’intero demo dal titolo “15-3-1982”, primo vero e proprio lavoro degli Impact mai stato pubblicato fino ad allora.

Curiosità

Dopo la parentesi con gli Impact, Neffa diverrà il batterista dei Negazione con cui ha inciso l’album “100%” nel 1990.

Ascrivibile al solo genere punk esistono diversi gruppi con lo stesso nome, tra cui uno del Galles attivo negli anni ’80 e uno del Canada degli anni ’90, entrambi di genere oi!

Canzoni consigliate:

Commenti