Mood, il brano si tinge di ritmo

Una nuova versione del brano

0
1022
Mood

<<Why you always in a mood?>> Non si tratta semplicemente di una domanda ricorrente. <<Perché sei sempre arrabbiato/a?>> La traduzione letterale. Lo domandiamo all’amico imbronciato, al partner che ci risponde a monosillabi, alla madre che ci riserva sguardi fulminei. I cantanti 24kGoldn e Iann Dior hanno utilizzato la frase al fine di comporre una canzone. Un singolo che fa canticchiare e ballare grandi e piccini. Proprio qualche giorno fa, il brano “Mood” ha subito una piccola modifica. Non si tratta di un distaccamento dal pezzo originale, bensì di una variante.

Qual è la variante di “Mood”?

La canzone ha raggiunto ben presto il successo a livello mondiale. “Mood” è stato appunto composto da 24kGoldn, uno dei 12 artisti selezionati per la XXL Freshman Class 2020, e Iann Dior. Si tratta di un brano ormai sul podio di molte classifiche musicali, tra le quali la Top 50 Global di Spotify, nella quale risulta terzo. Non sono da meno le posizioni raggiunte su Apple Music. Qui, si possono riscontrare posizionamenti addirittura più vincenti. Si sa, non stiamo vivendo un periodo facile noi cittadini del mondo. La pandemia globale sta a poco a poco portando via la nostra voglia di celebrare la vita. Ecco perché, proprio in questo periodo di necessità, “Mood” ha subito una piccola modifica. Si tratta di un remix. Anche se ora come ora non è possibile danzare sulle note di questo pezzo in discoteca, possiamo comunque godere della sua ritmica all’interno delle mura domestiche.

Questa versione di “Mood” è uscita in Italia nella notte tra il 5 e il 6 novembre. Al progetto hanno collaborato due voci d’eccezione: Justin Bieber e J Balvin. Il suo successo è già riscontrabile. Sono già milioni le persone che stanno apprezzando quest’alternativa. I remix non sono da tutti. Spesso i cultori della musica si distaccano da queste cosiddette “storpiature” delle versioni originali. Anche “Mood”, nonostante il successo riscontrato, non è stata esente da critiche. Forse perché si tende ad attribuire la parola “remix” alla musica commerciale. Quella tipologia di sonorità che in pochi dicono di apprezzare, ma che rientra nei gusti di molti. Forse perché le preferenze musicali dicono parecchio di noi, e non sempre vogliamo mostrare la nostra vera natura al prossimo. Men che meno se siamo soggetti a giudizi. “Mood”, malgrado tutto sembra aver scardinato questa tendenza. Donando un po’ di gioia in un momento difficile.

Commenti