Mandibules, una Mosca Gigante a Venezia 77 Fuori Concorso

0
346
Mandibules mosca gigante Venezia
Mandibules,di Quentin Dupieux, Fuori Concorso Venezia 77

Mandibules, (una mosca gigante) a Venezia 77 Fuori Concorso

Dopo i due film che si dono aggiunti all’ultimo momento The Human Voice, di Pedro Almodovar con Tilda Swinton, e One Night in Miami con il debutto alla regia di Regina King.


One Night in Miami, di Regina King a Venezia 77


The Human Voice di Pedro Almodovar, Fuori Concorso a Venezia 77


Presentiamo  ora Mandibules di Quentin Dupieux. Mandibules è un film commedia franco-belga in arrivo, scritto e diretto da Quentin Dupieux.

Il regista francese  ricordato per alcuni film dalle premesse piuttosto folli, come Rubber, film del 2010 in cui uno pneumatico inizia a uccidere le persone grazie ai suoi poteri paranormali,

ha deciso di incentrare il suo prossimo film proprio su una mosca gigante, come si può vedere dal primo teaser trailer del film.

Sarà presentato in anteprima mondiale al Festival del cinema di Venezia a settembre 2020. Il film uscirà in Francia il 2 dicembre 2020, da Memento Films.

Alberto Barbera

Parlando del film del Fuori Concorso a Venezia 77 il Direttore artistico della Mostra, Alberto Barbera, ha definito come grottesco e surreale durante la conferenza stampa di presentazione.

Trama (Mandibules, una mosca gigante a Venezia 77)

La sinossi ufficiale è molto breve e, quindi, ci svela ben poco del progetto: “Jean-Gab e Manu, due amici sempliciotti, trovano una mosca gigante nel bagagliaio di un’auto, e decidono di addestrarla per cercare di guadagnare dei soldi grazie a lei”.

Il film vede come protagonisti Gregoire Ludig e David Marsais (anche noti come Palmashow, sono un duo comico francese). A completare il cast ci sono Adèle Exarchopoulos (protagonista di La vita di Adele), Anaïs Demoustier, India Hair, Roméo Elvis e Coralie Russier.

Regia Quentin Dupieux

Durata 77′

Paesi Francia, Belgio

Interpreti David Marsais, Grégoire Ludig, Adèle Exarchopoulos, India Hair, Roméo Elvis, Coralie Russier

Commenti