Lo psichedelico giro in barca di Willy Wonka attraverso l’inferno

0
1083

Cinquant’anni fa, questa settimana, Willy Wonka e la Fabbrica di Cioccolato ha esordito nei cinema di tutta l’America. Da allora è diventato uno dei film per bambini più amati di tutti i tempi, ma all’epoca fu una grande delusione commerciale, e molte delle recensioni furono piuttosto negative. Una delle scene meno apprezzate era quella del giro barca di Willy Wonka-

Cosa dicevano i giornali di Willy Wonka?

È tedioso e inscenato, con poche scintille e poco umorismo”, si leggeva in una recensione del New York Times. “Prendete i giovani solo se sono stanchi di Sesame Street, e perché dovrebbero esserlo?“. Non sorprende che Roger Ebert sia stato uno dei pochi critici ad averlo veramente capito. “Willy Wonka e la Fabbrica di Cioccolato è probabilmente il miglior film del suo genere dai tempi del Mago di Oz”, ha scritto in una recensione a quattro stelle. “È tutto ciò che i film per famiglie di solito pretendono di essere, ma non lo sono: Delizioso, divertente, spaventoso, eccitante e, soprattutto, un’autentica opera di immaginazione. Willy Wonka è una fantasia così sicuramente e meravigliosamente filata che funziona su tutti i tipi di menti, ed è affascinante perché, come tutto il fantasy classico, è affascinato da se stesso”.


Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato ha 50 anni


La storia che attira e le domande sospese

Proprio come Il mago di Oz, le ripetizioni televisive hanno fatto conoscere il film a una generazione dopo l’altra di bambini. C’è qualcosa di irresistibile nell’idea di trovare un Biglietto d’Oro, entrare in una magica fabbrica di cioccolato e alla fine vincere il diritto di conquistare l’intero posto. Ma sotto le bibite frizzanti, gli Snozzberries e gli eterni Gobstoppers, c’erano alcune domande molto inquietanti. Gli Umpa-Lumpa sono pagati per la loro fatica? Hanno il diritto di lasciare la fabbrica? Violet Beauregarde meritava di essere trasformata in un mirtillo gigante solo perché le piacevano le gomme da masticare? Veruca Salt era una mocciosa insopportabile, ma non era un po’ troppo gettarla in una fornace? È sopravvissuta? Sono sopravvissuti anche Augustus Gloop e Mike Teavee? Wonka dice che stanno tutti bene alla fine, ma di sicuro non sembravano stare bene l’ultima volta che li abbiamo visti. Inoltre non è esattamente una fonte affidabile di informazioni.

L’inquietudine di un giro sulla barca di Willy Wonka

È anche più che un po’ pazzo. Prendiamo la famigerata scena della barca che ha luogo pochi istanti dopo che Augustus Gloop viene sparato fuori da un tubo di cioccolato, molto probabilmente verso la sua morte. Wonka porta poi i bambini vivi e i loro tutori in un bizzarro tunnel nero come la pece, dove ignora le loro grida di terrore e canta una delle più spaventose canzoncine mai catturate su pellicola. “Non c’è un granello di luce“, dice Wonka mentre gli Umpa-Lumpa spingono la barca ad un ritmo psicotico. “Quindi il pericolo deve crescere/Sono le fiamme dell’inferno che divampano?/La mietitrice macabra sta falciando?/Sì, il pericolo deve crescere/Perché i rematori continuano a remare/e certamente non mostrano/nessun segno che stiano rallentando”. Come se non bastasse vengono proiettate una serie di immagini psichedeliche a raffica sulle pareti. Tra queste un pollo a cui viene tagliata la testa e un verme che striscia sulla testa di quello che sembra essere un cadavere. La performance di Gene Wilder qui è fantasticamente inquietante. È difficile immaginare qualsiasi altro attore che ci riesca. Johnny Depp ha tentato di reimmaginare Wonka come un uomo bambino simile a Michael Jackson nel remake di Tim Burton del 2005, ma semplicemente non ha funzionato. Il film originale non può essere replicato e Burton e Co. non avrebbero dovuto nemmeno preoccuparsi di provarci.

Commenti