L’esercito delle 12 scimmie

0
429

L’ambizioso “L’esercito delle 12 scimmie” di Terry Gilliam ha la stessa visione del prossimo futuro di un pozzo grunge. In questo mondo, tutto è arrugginito e sotterraneo. Il film usa il suo mondo futuro come base e trampolino di lancio per la storia centrale, ambientata nel 1990 e nel 1996, e parla di un viaggiatore del tempo che cerca di salvare il mondo da una piaga mortale.

Di cosa parla L’esercito delle 12 scimmie?

Il viaggiatore è Cole, interpretato da Bruce Willis, che nelle scene di apertura vive con una manciata di altri sopravvissuti umani in un rifugio sotterraneo messo insieme da pezzi di scarto e molta rete metallica. La superficie del pianeta è stata completamente occupata dagli animali, dopo la morte di 5 miliardi di persone durante una pestilenza nel 1996. Cole viene strappato dalla sua gabbia e inviato in una spedizione di superficie dai governanti di questo dominio, che sperano di imparare abbastanza sul virus della peste per sconfiggerlo. Viene poi scelto per una missione più cruciale: viaggerà indietro nel tempo e raccoglierà informazioni sul virus prima che mutasse.

Cole nel passato

Il film non offre alcuna speranza che possa “fermarlo” prima che inizi; dal suo punto di vista, la peste è già avvenuta, e quindi la società futura sta cercando cure, non prevenzione. Cole atterra nel 1990, contuso, sanguinante e gocciolante di sudore, come del resto è successo in una grande parte della sua carriera cinematografica. Viene sbattuto in prigione e assegnato a una psichiatra, la dottoressa Kathryn Railly (Madeleine Stowe), che crede di essere presa in giro quando le rivela di essere un visitatore dal futuro. Dopo un’inspiegabile evasione dalla prigione, riappare nella sua vita nel 1996, rapendola perché ha bisogno di aiuto per trovare 12 scimmie a Philadelphia che hanno il virus nella sua forma “pura” prima che mutasse. Cole scopre che un paziente malato di mente di nome Jeffrey Goines (Brad Pitt), che ha incontrato nel 1990, è un attivista per i diritti degli animali con un padre (Christopher Plummer) il cui laboratorio potrebbe ospitare il virus mortale. Jeffrey vuole scatenare il virus, restituendo la terra agli animali? O lo fa suo padre, o un altro membro della squadra?

L’esercito delle 12 scimmie non è un semplice thriller

Tutto questo è solo l’impianto della trama. Sarete più distratti dal sul contorno. L’arredamento sembra creato dai detriti del 20° secolo. Le città sono scabby Skid Rows o imponenti grattacieli. Gli scienziati lavorano ancora in laboratori che sembrano vecchie cartoline inventate da Thomas Edison. Bizzarri assassini e cattivi vengono scagliati contro Cole e Railly e ci sono molti scontri violenti. Il film, tuttavia, non è un semplice thriller d’azione. Gran parte dell’interesse deriva dalla natura del personaggio di Cole. È semplice, confuso, male informato, esausto e pieno di sentimenti legati al tradimento. Niente è come sembra: non nel suo mondo futuro, non nel 1990 e non nel 1996. E c’è un altro fattore, accennato nella scena iniziale del film e confermato nella chiusura: potrebbe aver già assistito alla fine della storia.

La trama di “L’esercito delle 12 scimmie”, se la segui da vicino, implica un paradosso del viaggio nel tempo. Quasi tutti i film sui viaggi nel tempo lo fanno. Ma a chi importa? La cosa positiva del film è il modo in cui Gilliam, i suoi attori e i suoi collaboratori creano un universo contenuto in 130 minuti.

Commenti