Léa Seydoux è la regina di Cannes 2022 con due film

0
217
Dune 2:

Léa Seydoux sta facendo gli straordinari al Festival di Cannes, con One Fine Morning di Mia Hansen-Løve e Crimes of the Future di David Cronenberg, entrambi presentati in anteprima al festival francese.

Dove è ambientato “Crimes of the Future”?

Crimes of the Future è ambientato in un futuro prossimo in cui gli esseri umani si sono adattati al loro ambiente sintetico, rendendo obsoleti il ​​cibo tradizionale e il sesso. La storia segue l’artista performativo Saul Tenser (Viggo Mortensen), che, grazie a un letto tecnologicamente avanzato che anticipa ogni esigenza del suo corpo, fa crescere nuovi organi a un ritmo rapido che poi vengono rimossi davanti a folle esaurite con l’aiuto di Caprice (Seydoux), un chirurgo diventato il partner creativo di Tenser.

Léa Seydoux

La sceneggiatura era un po’ strana. Non pensavo di averlo capito, ma trovo i suoi film estremamente poetici“, ha detto Seydoux del progetto. “Era solo una nuova avventura.”

One Fine Morning

One Fine Morning è un dramma spaccato di vita che interpreta una donna che si destreggia tra una relazione romantica e alleva sua figlia mentre si assicura la cura del padre malato.

Léa Seydoux: le sue parole

“Quello che mi piace del lavoro con le donne [registi] è che non fantasticano”, ha detto. Oltre a Hansen-Løve, Seydoux ha lavorato con una lunga lista di registe donne che include Jessica Hausner e Ursula Meier. Per alcuni registi maschi, Seydoux ha riso: “Una donna è una strana creatura“.

La cariera

Dopo aver studiato all’Actors Studio di New York, nel 2009 viene scelta da Quentin Tarantino per una piccola parte in Bastardi senza gloria. Nel 2011 ha l’opportunità di lavorare con Woody Allen nel delicato Midnight in Paris. Il ruolo di Emma nell’intensa opera di Abdellatif Kechiche La vita di Adele (La Vie d’Adèle – Chapitres 1 & 2, 2013) segna una svolta nella sua carriera.

I grandi registi

Negli anni successivi prende parte a grandi film, realizzati da alcuni tra più interessanti registi del momento: viene diretta da Wes Anderson in Grand Budapest Hotel (2014) e in The French Dispatch (2021), entra nel cast di The Lobster (2015) di Yorgos Lanthimos ed è una delle protagoniste di È solo la fine del mondo di Xavier Dolan. In Spectre (2015) veste i panni di Madeleine Swann al fianco di 007, ruolo che riprende in No Time to Die (2021).


“Elvis” sarà in anteprima mondiale al Festival di Cannes


Commenti