Le star del cinema chiedono al governo inglese sostegno al cinema

0
244
Le star del cinema
Le star del cinema

E’ noto che la pandemia che da quasi un anno ci affligge, ha messo a dura prova il mondo del cinema. Le sale cinematografiche sono in ginocchio, molte chiuse da tempo. per questo motivo più di 40 persone dell’industria cinematografica ha preso un’iniziativa.

Quale iniziativa è stata presa?

Più di 40 personalità dell’industria del cinema britannico hanno scritto una lettera al Cancelliere Rishi Sunak chiedendo maggior supporto a un’industria “a un passo dall’abisso”. Tra i firmatari troviamo Christopher Nolan, Steve McQueen, Ridley Scott, Jude Law e i produttori della saga di Bond Barbara Broccoli e Michael G. Wilson.

La lettera

“Riconosciamo il supporto apportato dal governo, ma temiamo che non sia abbastanza. Le sfide sono sempre più dure per i molti operatori del settore che non hanno ricevuto dei finanziamenti adatti. Senza di loro il futuro dell’intera industria del cinema britannico sembra estremamente precario. Speriamo davvero che il governo risponda a questa richiesta. I cinema britannici sono a un passo dall’abisso. Abbiamo urgentemente bisogno di finanziamenti specializzati per assicurarci che le future generazioni possano godersi la magia del cinema”.

I firmatari

La lista di tutti i firmatari: Andrea Arnold, Amma Asante, Simon Beaufoy, Tim Bevan, Danny Boyle, Graham Broadbent, Barbara Broccoli, Iain Canning, Gurinder Chadha, Noel Clarke, Richard Curtis, Stephen Daldry, Gareth Edwards, Eric Fellner, Stephen Frears, Stephen Fry, Sarah Gavron, Jane Goldman, Paul Greengrass, David Heyman, Armando Iannucci, Asif Kapadia, Elizabeth Karlsen, Duncan Kenworthy, Paul King, Jude Law, Philippa Lowthorpe, Andrew Macdonald, Kevin Macdonald, Steve McQueen, Sam Mendes, Peter Morgan, Christopher Nolan, Nira Park, David Puttnam, Lynne Ramsay, Guy Ritchie, Ridley Scott, Emma Thomas, Matthew Vaughn, Ben Wheatley, Michael G. Wilson, Stephen Woolley, Edgar Wright, Joe Wright.


Cosa dicono i dati delle sale cinematografiche nel 2020?


Commenti