Le scale di Joker invase dai turisti

0
410
Le scale di Joker

Ormai tutti, o quasi, abbiamo visto Joker, il film più discusso dell’anno. La genesi alternativa dello storico antagonista di Batman ha emozionato milioni di spettatori. Sui social si sono scatenate le interpretazioni, le teorie sul film e le recensioni sia di esperti che di cinefili improvvisati. Ma c’è anche chi ha fatto di più.

In pellegrinaggio alle scale di Joker

Ricordate la scena del film in cui Arthur Fleck (interpretato da uno straordinario Joaquin Phoenix), ormai trasformato definitivamente nel Joker, danza giù per i gradini di una lunga e spoglia scalinata? Ebbene, la scalinata esiste davvero. Conta ben 132 gradini e, nell’ultimo mese, si è trasformata in una vera e propria meta di pellegrinaggio per i fan del film, che vi si recano per scattare suggestive fotografie da postare su Instagram.

Le scale di Joker

Peccato che i famosi gradini si trovino in quello che gli stessi residenti definiscono “uno dei peggiori quartieri del distretto del Bronx”, a New York City. Gli abitanti del posto hanno tentato di mettere in guardia gli entusiasti cinefili. Ma il desiderio di postare una foto sulle scale di Joker è ben più forte del timore di incontrarvi un malintenzionato reale, che probabilmente risulterebbe loro meno simpatico dell’amatissimo protagonista del film.

LEGGI ANCHE: Joker: l’interpretazione di Joaquin Phoenix è da Oscar

Joker: ecco perché il film è valso un Leone d’oro

Le opinioni dei residenti

I residenti del quartiere si dividono tra chi vede nell’improvvisa ondata di turismo un’opportunità di rivalutare la zona e chi invece la trova una sgradita invasione. C’è chi si dichiara addirittura “sotto shock” a causa dell’inaspettato interesse riscosso dal proprio quartiere, e chi tenta invano di bloccare il passaggio per accedere alla scalinata.

Una lunga fila

Nel frattempo, la fila davanti alle scale di Joker diventa sempre più lunga ed i turisti cominciano a lamentarsi di come la troppa folla ostacoli la buona riuscita delle fotografie. Tra chi improvvisa danze alla Joker lungo i gradini e chi si spinge oltre, realizzando murales ispirati al film, sembra che gli abitanti della zona dovranno aspettare ancora parecchio tempo prima di ritornare alla vecchia routine.

Le polemiche sulla colonna sonora

La scena della scalinata aveva già suscitato polemiche a causa del suo sottofondo musicale. L’autore del brano è infatti l’ex glam rocker Gary Glitter, ripetutamente condannato per pedofilia.

Commenti