La battaglia dei sessi | Recensione e trama

0
969
La battaglia dei sessi

Prima di guardare La battaglia dei sessi, ci si potrebbe aspettare uno sguardo equilibrato sulle vite dell’autoproclamato sciovinista Bobby Riggs e della superstar del tennis Billie Jean King. Invece no. L’argomento principale del film è la differenza tra la lotta per l’uguaglianza e la lotta per mantenere la superiorità percepita. Una lotta che continua ancora oggi, e non solo in termini di genere.

Emozioni e verità ne La battaglia dei sessi

Si poteva sperare di vedere qualcosa di meglio, non è un film brutto, ma la storia di Billie Jean King avrebbe potuto essere molto più profonda. È un film che non colpisce così forte come ci si aspetterebbe. Avrebbero potuto concentrarsi di più su King, sul malvagio Riggs e la sua grottesca cultura del sessismo. Resta un approccio in qualche modo deludente. La parte che coinvolge la lotta di King per l’uguaglianza è potente e le performance sono forti, ma c’è un approccio cinematografico televisivo all’emozione e alla verità di questa situazione che le ammorbidisce troppo.

Il cast e la trama

King è interpretata dalla vincitrice dell’Oscar Emma Stone, che cattura con la sua miscela unica di grinta determinata e comportamento sociale imbarazzante. La sua interpretazione di King è relativamente timida e contraria ai riflettori, l’opposto del gregario Bobby Riggs, interpretato da Steve Carell.

Dipendente dal gioco d’azzardo, il 55enne Riggs ha perso la motivazione, e cerca qualcosa che lo renda felice, anche se le sue cattive abitudini frustrano sua moglie, interpretata in un ruolo totalmente ingrato da Elizabeth Shue. Quando il capo della Tennis Association, interpretato da Bill Pullman, offre un torneo in cui il vincitore femminile riceverà $ 1.500 mentre il vincitore maschile riceverà $ 12.000, King decide di partecipare e prende con se quasi ogni tennista donna che conta. Guidate da Gladys Heldman (Sarah Silverman), le donne formano il loro team di tennis e il mondo se ne accorge, incluso Bobby Riggs.

La battaglia dei sessi

Mentre Riggs è alla ricerca della sua prossima grande novità, King deve confrontarsi con qualcosa che non si aspettava, una storia d’amore con la sua parrucchiera, Marilyn Barnett (Andrea Riseborough). Felicemente sposata con Larry (Austin Stowell), Billie Jean non si sarebbe mai aspettata di innamorarsi di un’altra donna, ed è il tipo di relazione che potrebbe distruggere la sua carriera, soprattutto perché il nuovo team sta cercando di trovare sponsor. Con questa nuova storia d’amore come sfondo, King finisce per accettare una partita una tantum con Riggs, convinti che un tennista di sesso maschile possa ancora battere la giovane campionessa di tennis numero 1. Mentre molte persone intorno a lei lo vedono solo come un espediente, si rende conto del messaggio che potrebbe inviare al mondo se dovesse perdere.

Con abbondanti quantità di stile e musica anni ’70, i registi Jonathan Dayton e Valerie Faris (“Little Miss Sunshine”) lavorano duramente per ricreare un periodo in cui lo sciovinismo maschile poteva ancora essere considerato come una posizione pubblica. È difficile immaginare al giorno d’oggi che un dinosauro come Bobby Riggs attiri l’attenzione oltre un piccolo nucleo di idioti. Anche se il suo marchio di sessismo è tristemente vivo e vegeto, non è il genere di cosa che gli annunciatori sportivi difendono apertamente. Ascoltare Howard Cosell e la compagnia legittimare la visione del mondo di Riggs mostra quanto King ha dovuto lavorare per abbattere questa cultura.

La morbidezza al posto della presa di posizione

Tuttavia, viene anche da chiedersi perché Simon Beaufoy non abbia preso una posizione più dura contro Riggs. Le scene con sua moglie e suo figlio sono chiaramente progettate per umanizzarlo, tanto che sembra stranamente falso. Questo approccio comico e semi-sviluppato rispetto alla vita di Riggs non aggiunge abbastanza alla lotta di King. È quell’approccio superficiale al mondo intorno a Billie Jean King che sminuisce la sua storia. Invece di una storia senza tempo, La battaglia dei sessi sembra una produzione di Hollywood che ammorbidisce quella che era veramente e genuinamente una battaglia, una battaglia che le donne stanno ancora combattendo oggi.

Commenti