John Rambo: il film è stato bandito dal governo birmano

0
195
John Rambo

Forse pochi sanno che il film John Rambo (2008) è stato bandito dal governo birmano: il partito militare al potere ha ordinato ai venditori di DVD in Birmania di non distribuire il film a causa dei suoi contenuti controversi. Il motivo? Un dialogo in particolare, di cui Sylvester Stallone è profondamente orgoglioso.

John Rambo: vietata la distribuzione?

Nonostante non sia mai stato distribuito nelle sale o in DVD, il film è comunque disponibile in versione bootleg. La pellicola non è mai stata particolarmente apprezzata dalla popolazione birmana a causa della rappresentazione negativa, o forse veritiera, del Tatmadaw. Ma non è per tutti così: il gruppo di opposizione, la cosiddetta Generation Wave, ha distribuito il film come propaganda anti Forza armata; secondo i Karen Freedom Fighters, il film ha dato loro una grande spinta morale e voglia di lottare. I combattenti per la libertà della Birmania hanno preso come slogan una citazione del film, forse la più apprezzata dal pubblico di Sly: “Vivere per niente o morire per qualcosa“, diventando nel tempo un vero e proprio un grido di battaglia.


Sylvester Stallone: lo vedremo ancora nei panni di Rocky Balboa?


Le parole di Sylvester Stallone

“Per me è stato uno dei momenti in cui mi sono sentito più orgoglioso di fare il mio mestiere […] di tutta la mia carriera”. Per i Birmani d’oltremare la pellicola è un’ottima rappresentazione dell’oppressione militare nei confronti del popolo Karen. J.Rambo, è stato bandito anche in Myanmar: il film è stato oggetto di feroci critiche, ma non solo, in quanto ha ottenendo il consenso del pubblico.

John Rambo dov’è stato girato?

John Rambo è stato girato tra il 23 Febbraio e il 4 Maggio del 2007. Le riprese del film sono state effettuate principalmente in Messico, Thailandia e Stati Uniti. Tra i luoghi più famosi, c’è sicuramente il monastero buddista di Chiang Mai, in Thailandia. Già presente in Rambo III.

Trailer Ufficiale


Tutti gli articoli sulla Birmania


Commenti