“Inferno” – l’ultimo capitolo della saga con Tom Hanks

0
359
Inferno_Film
"Inferno" l'ultimo capitolo della saga diretta da Ron Howard sui libri di Dan Brown

Un thriller vecchio di quattro anni ma più che mai attuale, Inferno, usciva nelle sale nel 2016 e da lunedì 2 marzo è disponibile su Netflix.

Inferno, di Ron Howard, è il terzo capitolo della saga portata avanti da Tom Hanks e dal suo personaggio, Robert Langdon. Dopo il successo de Il Codice da Vinci (2006) e Angeli e Demoni (2009), il professore è costretto a lottare contro la possibile diffusione di una pandemia che potrebbe portare il mondo a diventare un vero e proprio “Inferno” in perfetto stile dantesco. Infatti, dal punto di vista letterale, la pellicola – tratta dall’omonimo romanzo di Dan Brown – racconta la folle idea di un uomo di ricreare la prima cantica della Divina Commedia di Dante Alighieri.

Il movente di questa possibile “strage”? Secondo il pazzo al mondo vi sarebbero troppe persone. E questo sovraffollamento causerebbe solo sofferenze, come la povertà, la fame, il surriscaldamento ecc. E quindi, l’unica soluzione in una testa folle come quella di questo Bertrand Zobrist – interpretato da Ben Foster – sarebbe di creare una malattia come la peste per ridurre il numero di persone sul pianeta.

Il film è dunque nuovamente un susseguirsi di ricerche, indagini, intrighi e tranelli, idealizzati a doc. per permettere al professore di avvicinarsi sempre di più alla verità e al folle per fermare così la diffusione della piaga. L’ultimo capitolo della saga però, è forse più un tentativo di ricreare una sorta di inseguimento anziché una vera e propria traduzione di indizi e simboli, con tanto di carabinieri al seguito, droni e cattivi pronti alla vendetta.

Leggi anche: Tutte le uscite di NETFLIX di Marzo 2020

Insomma, in un periodo in cui si trema davvero, forse anche in modo esagerato e sconsiderato, per la diffusione di virus sconosciuti, questo film torna a rinascere, pur avendo di fondo una storia più complessa e complottistica.

Un nuovo viaggio tra le bellezze italiane

Se in Angeli e Demoni abbiamo avuto modo di gustarci le bellezze di Roma, nell’ultimo capitolo della serie il regista passa attraverso altre città simbolo della cultura del nostro Paese. Secondo alcune recensioni, il film sarebbe un esagerato elogio alle nostre bellezze, rischiando in questo modo di uscire dalla linea narrativa trasformandolo quasi in un documentario sulle nostre città d’arte.

Si inizia dunque da Firenze, dove – dopo un prologo alquanto tragico e misterioso – Robert Langdon si risveglia in ospedale, accanto alla giovane dottoressa Sienna Brooks (Felicity Jones) che lo accompagnerà lungo tutto il film. Ma non è tutto, la mappa dell’inferno presa in consultazione sarà proprio una copia dipinta da Botticelli. Da qua, partirà la ricerca che condurrà i due a Palazzo Vecchio, da dove, pasando per la Galleria degli Uffizi, arriveranno fino a Palazzo Pitti.

Poi, il passaggio a Venezia. Tra Piazza San Marco, un giro tra le gondole e un incontro ravvicinato con Zobrist, i protagonisti sono costretti infine a volare a Instabul per l’ultima parte del film.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here