In ricordo di Luke Perry: da “Beverly Hills” a “C’era una volta a Hollywood”

0
202

Sono passati due anni dalla morte per ictus di Luke Perry icona della serie tv Beverly Hills 90210. L’ultima apparizione dell’attore al cinema è stata nel film di Tarantino “C’era una volta… a Hollywood” uscito alcuni mesi dopo la sua scomparsa.

Quentin Tarantino annuncia che C’era una volta a Hollywood diventerà un romanzo

Luke Perry: due anni dalla scomparsa 

Luke Perry

Era il 4 marzo del 2019 quando di Coy Luther Perry III in arte Luke Parry è deceduto nel St.Joseph’s Hospital di Burbank, in California, dove era stato ricoverato il 28 febbraio per un ictus. L’attore è stato l’icona del popolare teen drama anni ’90  ‘Beverly Hills 90210’. Il ruolo di Dylan McKay  fu il primo grande traguardo per Perry che arrivò dopo pochi anni dall’inizio della sua carriera. Luke divenne subito un idolo per le teeneger dell’epoca, che ancora oggi lo ricordano con affetto sui social. Questo non è stato ruolo di successo interpretato dalla star di Hollywood. 

Dal cinema alla tv Perry ha preso parte ad innumerevoli show fra cui: “Will & Grace”, “Law and Order”,”Body of Proof” e “Buffy l’ammazzavampiri”. L’ultima sua apparizione nel piccolo schermo è stata nella serie Netflix “Riverdale” nel ruolo di Fred Adrews padre del protagonista. Il suo personaggio muore all’inizio della quarta stagione dello show alla quale sono seguiti una serie di episodi molto commoventi in suo onore. Luke prima di morire aveva anche recitato nel film “C’era una volta a… Hollywood” di Quentin Tarantino. Di Caprio protagonista del film con Brad Pitt, ha voluto omaggiare Parry dopo la sua scomparsa. “Era un’anima nobile e un artista di talento, è stato un onore poter lavorare con lui”.

Grande emozione anche per le parole che Shannen Doherty (Brenda in Beverly Hills 90210) ha dedicato all’amico Luke Perry accompagnate da una foto scattata sul set della popolare serie tv.

“Amico mio, ti abbraccio stretto e ti do la mia forza. Ora è tua”. 

Riverdale 5, ci saranno scene di intimità? Il covid non ferma gli autori

Commenti