IMACULAT: un’illusione pericolosa alle Giornate degli Autori

0
561
Imaculat

Monica Stan ha una formazione in psicologia. Lavora come sceneggiatrice da molti anni. Imaculat, una storia personale, rappresenta il suo debutto come regista. Presentato alle Giornate degli Autori a Venezia 78.

Qual è il filo conduttore di Imaculat?

La trama ufficiale: Quando Daria entra in un centro di riabilitazione per disintossicarsi dalla droga, una dipendenza ereditata dal suo primo amore, quell’aura di innocenza la salva dalle avance sessuali degli altri pazienti, per lo più maschi, e le fa guadagnare la loro protezione. Dietro il piacere di tutte queste lusinghe, però, si nasconde un caro prezzo da pagare che la giovane scopre immediatamente.

Imaculat: Interpreti

Ana Dumitrașcu, Vasile Pavel, Cezar Grumăzescu

Monica Stan

“Avevo 18 anni quando sono finita in riabilitazione. Ero sorpresa, stavo bene in quel posto. Nel mio ambiente borghese ero quella corrotta. Là, in mezzo agli altri tossicodipendenti, ero vista come una speciale. Da adolescente insicura, ho abboccato immediatamente alle lusinghe. L’immagine che gli altri hanno di noi può sedurci al punto da identificarci con essa, finché non ci rendiamo conto dolorosamente che si tratta di un’illusione pericolosa”.

George Chiper-Lillemark

“Leggendo la sceneggiatura di Monica sono stato attratto dalla relazione tra il continuo chiacchiericcio e il desiderio dolorosamente concreto di vicinanza. Per dirla in altri termini, le parole creano un velo ingannevole di intricate dinamiche di potere e di genere in contrasto con i corpi che si attardano, a volte abbandonati in un’unione calda e totalizzante”. Guarda il Trailer


Pedro Almodovar apre Venezia 78 con ‘Madres Paralelas’


Commenti