Il teaser di Chucky: il ritorno dagli inferi delle paure inconsce

0
86
Chucky la bambola assassina

SYFY e Usa Network hanno rilasciato un nuovo teaser riguardante Chucky la bambola assassina. Secondo quanto asserito il ritorno infernale, sarà ancora più spaventoso di quelli precedenti. Perché le bambole ci spaventano così tanto.

Chucky la bambola assassina torna ad uccidere?

Inizialmente si credeva in un lancio cinematografico previsto per il 2020. Purtroppo a causa della pandemia le riprese sono state interrotte e, a quanto pare, le riprese dovrebbero terminare ad agosto 2021. Sebbene la propaganda pubblicitaria ci prometta un risvolto ancor più terrificante dei precedenti, la storia è sulla falsa riga delle altre: una bambola che torna dagli inferi, omicidi efferati ed il tentativo di nascondere la propria attività criminale dello stesso Chucky. Ma nonostante questo, il risvolto “impressionante” di certo, non tarderà ad arrivare. Il concentrarsi su un oggetto di utilizzo comune per scaturire paure inconsce ed avere un effetto amplificato del telespettatore, non è utilizzato per caso. In molti soggetto, non solo bambini, la paura delle bambole si riconduce ad una vera e propria fobia riconosciuta in termini psicologici: la pediofobia. Si tratta di una paura che può scaturire anche nell’adulto ed i motivi possono essere ricondotti all’espressività ed al riconoscimento del volto umano.


La Maledizione di Chucky – Recensione del film horror


Tra cinema e fobia: la paura delle bambole

Quel volto estremamente riconducibile a quello umano, ma privo d’espressività vi provoca fastidi? È proprio questo uno dei motivi del senso di inquietudine che abbiamo nel momento in cui ci si presenta una bambola davanti. Se prendiamo in considerazione quelle di porcellana, il primo pensiero che abbiamo sarà quel volto così reale che il cervello assocerà a quello umano, ma dalla parte opposta l’espressione vuota e priva di anima ci farà gelare il sangue nelle vene. La pediofobia, è parte del disturbio dell’automatonofobia, ovvero la paura di ciò che è fatto ad imitazione di un essere umano. Tutte queste caratteristiche scientifiche, riversate nella cinematografia hanno di certo fatto colpo. Non a caso Chucky non è l’unica bambola utilizzata come fulcro di un film Horror. Basti pensare ad “Annabelle” o “The boy” per accorgerci quanto queste fobie siano reali e fondate.

Commenti