Il mago di Oz

0
355
il mago di Oz di Fleming

Il mago di Oz, nella sua versione del 1939 firmata da Fleming, è un film che tutti gli appasionati di cinema dovrebbero vedere. Se non per la storia, che comunque è un grande capolavoro per l’epoca, per la tematica, che va oltre il semplice viaggio e il sogno.

Oggi, 81 anni dopo, forse la cosa passa inosservata. Ma il passaggio tecnico dal bianco e nero al colore non era cosa scontata.

Nel 1939, quando fu girato il film, quasi tutti i film venivano ancora girati in bianco e nero e le nuove e ingombranti telecamere a colori arrivavano con un “consulente Technicolor” della fabbrica, che si trovava accanto al direttore della fotografia e suggeriva in modo ufficiale livelli di luce più elevati. Inoltre si parlava di fare concorrenza al film della Disney Biancaneve e i sette nani, girato a colori nel 1937.


Judy: recensione della biografia sulla grande Judy Garland
Oggi moriva Judy Garland: la piccola e coraggiosa Dorothy


La storia delle produzione del Mago di Oz

Il Mago di Oz non ha avuto una storia lineare nella produzione. Richard Thorpe, il regista originale, è stato licenziato dopo 12 giorni. George Cukor ha resistito per tre giorni e poi Victor Fleming ha preso il sopravvento. Quando Fleming è andato a “Via col vento”, King Vidor ha fatto alcune delle sequenze di Munchkin e le scene del Kansas.

Ci furono anche cambiamenti nel cast. Dopo che Buddy Ebsen, nei panni dell’Uomo di latta, ha avuto una reazione allergica al trucco argenteo, è stato sostituito da Jack Haley. I numeri musicali sono stati registrati e mai usati. Margaret Hamilton (la strega cattiva dell’Ovest) è rimasta gravemente ustionata quando è entrata in una nuvola di fumo.

Gli elementi in “Il mago di Oz” riempiono potentemente un vuoto che esiste dentro molti bambini. E non dipende dal periodo in cui è stato girato. Per i ragazzi di una certa età la casa è tutto, il centro del mondo. Ma oltre l’arcobaleno, per tutti, c’è la vasta terra, affascinante e terrificante. C’è un profondo timore fondamentale che gli eventi possano cospirare per trasportare il bambino lontano dalla sicurezza di casa e bloccarlo lontano in una terra straniera.

Stanno toccando la lezione chiave dell’infanzia: un giorno il bambino non sarà un bambino, la casa non esisterà più, che gli adulti non saranno di aiuto perché ora il bambino è un adulto e deve affrontare le sfide della vita solo. Ma puoi chiedere agli amici di aiutarti. Non solo. Impariamo anche che il Mago di Oz è umano e ha dei problemi.

“Il mago di Oz” ha una superficie meravigliosa di commedia e musica, effetti speciali ed eccitazione, ma lo guardiamo ancora perché la sua storia di fondo penetra direttamente nelle più profonde insicurezze dell’infanzia, le agita e poi le rassicura. Da adulti, lo amiamo perché ci ricorda un viaggio che abbiamo fatto. Ecco perché qualsiasi adulto che ha a che fare con un bambino prima o poi suggerirà di vedere “Il mago di Oz”.

Vogliamo parlare degli amici? Quelli di Dorothy sulla Yellow Brick Road (l’Uomo di Latta, lo Spaventapasseri, il Leone Codardo) erano proiezioni delle paure segrete di ogni bambino. Siamo reali? Siamo brutti e stupidi? Siamo abbastanza coraggiosi? Nell’aiutarli, Dorothy stava aiutando se stessa, proprio come un bambino più grande supererà le paure agendo coraggiosamente davanti a uno più giovane.

Ci sono figure adulte buone e cattive in Oz: le streghe malvagie dell’Est e dell’Ovest, la strega buona Glinda. Dorothy vorrebbe l’aiuto dei suoi amici ma ha bisogno di aiutarli invece (“Se solo avessi un cervello”, o un cuore, o un nervo, cantano).

Arrivando finalmente alla Città di Smeraldo, hanno un’esperienza onirica: quasi tutti quelli che incontrano sembrano vagamente simili (perché sono tutti interpretati da Morgan). Il Mago li manda in missione per prendere la scopa della Strega Malvagia, e non è insignificante che la chiave del ritorno di Dorothy in Kansas sia il paio di pantofole color rubino. Scarpe da adulti.

Commenti