I MISTERI DEL GIARDINO DI COMPTON HOUSE: al cinema

Da lunedì 28 novembre al cinema la versione rimasterizzata in 4K dal BFI National Archive a partire dai negativi originali dell’opera di Peter Greenaway

0
387
I MISTERI

Presentato nella sezione Venice Classics 2022 della 79° Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, dal 28 novembre arriva in sala come evento speciale il film GREENAWAY – I MISTERI DEL GIARDINO DI COMPTON HOUSE.

Chi è il regista di “GREENAWAY – I MISTERI DEL GIARDINO DI COMPTON HOUSE”

il film è il primo grande lungometraggio di Peter Greenaway e l’opera che fece conoscere al mondo il talento del visionario regista inglese, oggi proposto in una nuova versione restaurata dal British Film Institute approvata dal regista e che celebra i 40 anni dall’uscita del film nel 1982.

I MISTERI DEL GIARDINO DI COMPTON HOUSE: la versione 4K

Il lavoro di rimasterizzazione in 4K dai negativi originali in Super 16mm Eastmancolor e dalla relativa traccia madre magnetica è stato condotto dal BFI J.P. Getty Jr. Conservation Centre, da Dragon Digital e da Molinare.

Uscita

Gli elementi originali del film sono conservati presso il BFI National Film Archive. GREENAWAY – I MISTERI DEL GIARDINO DI COMPTON HOUSE sarà nei cinema dal 28 novembre e disponibile poi sulla piattaforma IWONDERFULL.IT.

I MISTERI DEL GIARDINO DI COMPTON HOUSE: sinossi

Nel diciassettesimo secolo, in uno Wiltshire apparentemente idilliaco, la moglie di un aristocratico commissiona dodici disegni della tenuta del marito a un ambizioso paesaggista, il quale negozia i termini del contratto prevedendo che includa i favori sessuali della committente. Ma quando dal fossato viene estratto un cadavere, i disegni del paesaggista rischiano di rivelare più di quanto lui creda. Questo brillante, stilizzato ed erotico giallo di campagna ha imposto Peter Greenaway come regista di fama internazionale. I costumi stravaganti, la trama intricata, i dialoghi elegantemente salaci e la colonna sonora ipnotica di Michael Nyman fanno del film una delizia per le orecchie, gli occhi e la mente.

Commenti