Hitchcock “Gli Uccelli” |Recensione, e trama di un lavoro caotico

0
627
Gli Uccelli Hitchcock
De 19 a 21 de fevereiro, o Museu da Imagem e do Som do Paraná (MIS-PR) promove a Mostra de filmes do MIS – Especial Hitchcock. Os clássicos filmes do cineasta britânico “Psicose”, “Os Pássaros” e “Um Corpo que Cai” serão exibidos no miniauditório do museu às 19h. A entrada é gratuita. Curitiba, 16/02/2018. Foto: Divulgação Museu da Imagem e do Som

I corvi, gli uccelli neri ed enormi che da che sono in Polonia popolano le mie giornate, si animano, uno per uno, nel cortile della scuola sopra Bodega Bay. Sono evocati dalla filastrocca cantata dai bambini, o attirati dal bagliore verde della gonna e della giacca abbinate di Tippi Hedren, o forse attirati dal profumo pungente della sua sigaretta accesa.
Sarà per colpa di questo film di Hitchcock che non esco in giardino a cantare, qui a Cracovia. “Si pettina i capelli, ma una volta all’anno”, cantano i bambini ignari nella loro classe. “Nickety-nackety ora, ora, ora!”

In realtà non ho idea di cosa attiri gli uccelli e li faccia diventare cattivi. “Non so perché”, dice la tormentata Melanie Daniels (Hedren). “Vorrei poterlo dire”, sbotta perplesso Mitch Brenner (Rod Taylor). Tutti sono confusi. Ecco un film che non fornisce risposte e non offre scampo. Il caos regna dall’inizio alla fine.

Trama di GLI UCCELLI

Adattato (molto liberamente) da un racconto di Daphne du Maurier, è il racconto di una donna di città che si trasferisce in una rustica cittadina di mare. Daniels arriva a Bodega Bay per fare uno scherzo a un avvocato intelligente. In poco tempo gli uccelli sono ovunque. Bombardano in picchiata i vetri delle finestre e beccano la porta mentre l’ubriaco della città cita Ezechiele dal suo trespolo al bar. “È la fine del mondo”, dice.


Quale film di Hitchcock è più Hitchcock di tutti?


Le metafore degli uccelli di Hitchcock

Quando svelano il significato di The Birds, molti critici pensano di collegare alla donna isterica gli attacchi, come lei nel film li collega all’arrivo di Daniels (“Penso che tu sia la causa di tutto questo”). Ciò implica che gli uccelli sono una manifestazione del sesso, una tempesta ormonale galvanica che trasforma la sonnolenta Bodega Bay.

In alternativa, potrebbero essere visti come un’esplosione di rabbia. Il primo atto del film, dopotutto, è uno spiacevole accumulo di tensione (sia sessuale che sociale), una continua giostra di sguardi ed evasioni provocatorie. I suoi personaggi sono così guardinghi, così giocosi, così scollegati dalle proprie emozioni.

The Birds è generalmente considerato l’ultimo grande film di Hitchcock (è stato girato nel 1963, quando la reputazione del regista era al suo apice). Potrebbe anche essere il film essenziale di Hitchcock, il più puro e sicuro di sé, un brillante distillato dei temi che lo avevano da sempre alimentato.

Ogni volta che lo guardo, mi trovo più impressionata dalla sua audacia. Adoro il modo in cui Hitchcock si destreggia con l’istrionismo stridulo dei film di serie B. Adoro la precisione formale del suo lavoro con la macchina da presa, l’abile economia dei dialoghi di Evan Hunter e un senso del luogo così nitido e sicuro che mi sembra di essere stata lì. Anche se qui non c’è il mare, a volte guardando i corvi sui prati o sui fili della corrente, mi sembra di esseere ferma su quel molo.

Ma ciò che mi emoziona di più di “Gli Uccelli” non è quello che mette nel film ma quello che lascia fuori. All’età di 63 anni, Hitchcock era abbastanza sicuro da fare a meno degli ingranaggi della logica narrativa. Il bellissimo e ammaccato Notorious aveva la sua trama MacGuffin sotto forma di bottiglie di vino riempite di minerale di ferro. L’elettrizzante e insurrezionalista Psycho sentiva ancora il bisogno di rivolgersi a uno psichiatra per spiegare Norman Bates al pubblico. Ma The Birds galleggia libero. Non c’è nessun motore che lo guidi, nessuna musica che lo leghi e niente che lo tenga in alto a parte quella bozza di atmosfera sensuale e terrore esistenziale. Secondo quanto riferito, Hitchcock si è preoccupato a lungo su come concludere le cose. Alla fine ha abbandonato la scena finale sceneggiata in favore di una non risoluzione, un finale aperto – l’immagine perfetta di chiusura che lascia il mondo in bilico con i suoi misteri tutti intatti.

Commenti