“Hey Clockface” – Il rinascimento di Elvis Costello

Una raccolta eclettica e minacciosa di rock artistico e ballate

0
703
Hey Clockface di Elvis Costello

Hey Clockface è il nuovo, eclettico e minaccioso album di Elvis Costello, che segue il suo recente capolavoro e vincitore del Grammy “Look Now“. Quest’ultimo album è stato inaspettato, una carica di profondità dopo un lungo periodo di riposo. Ma Costello è una macchina fatta per cantare.

Come nasce Hey Clockface?

Costello ha registrato a Helsinki, Parigi e New York e mixato da Sebastian Krys a Los Angeles. Ricordando la sessione di registrazione di Parigi, Costello ha detto in una recente intervista: “Ho cantato dal vivo in studio, dirigendo dalla cabina vocale. Abbiamo inciso nove canzoni in due giorni. Abbiamo parlato molto poco. Quasi tutto ciò che i musicisti hanno suonato è stata una risposta spontanea alla canzone che stavo cantando. Un giorno avevo un sogno di registrare a Parigi in questo modo.”

Ci sono suoni che non abbiamo mai sentito prima in “Hey Clockface” provenienti dal giovane arrabbiato del punk rock. A partire da “No Flag”, che sembra rispecchiare la vuota reazione alla politica ora. È seguito da una splendida ballata intitolata “They’re Not Laughing at Me Now”. “Newspaper Pane” e “Hetty O’Hara Confidential” sono un paio di canzoni nella media. Ci sono molte ballate e alcune parole parlate che sono un po’ diverse. La ballata che chiude l’album, “Byline”, colpisce come una sorta di classico istantaneo. “The Last Confession of Vivian Whip”, che Costello ha scritto insieme a Steve Nieve e sua moglie Muriel, è bello e pungente.


‘We Are All Cowards Now’ dal nuovo LP ‘Hey Clockface’ di Elvis Costello
Elvis Costello – No Flag | Recensione
Hetty O’Hara Confidential, il nuovo singolo di Eliv Costello |Recensione e testo

La tracklist di Hey Clockface

Commenti