Hard rock: i migliori batteristi

0
346

L’hard rock esalta i chitarristi virtuosi ed i cantanti capaci di frantumare cristalli con le loro ugole. Spesso ci si dimentica che, dietro una performance ben riuscita, si nasconde il contributo di tutti i musicisti. Fra questi, i batteristi sono quelli più in ombra. Ma sono loro, assieme ai bassisti, a costituire il vero collante di una band.

Chi sono i migliori batteristi dell’hard rock?

Tra i batteristi seguaci dell’hard rock, dobbiamo citare il compianto John Bonham. Lui, più di chiunque altro, rappresenta il prototipo del batterista moderno. Con il suo stile che fondeva estro, tecnica e creatività, ha ispirato generazioni di musicisti. Ha stravolto le percussioni ed è stato un punto di riferimento anche per la propria band. Basti pensare che, dopo la prematura scomparsa, i Led Zeppelin hanno tirato i remi in barca. Ci sono pochi dubbi sul fatto che si sia meritato il titolo di miglior batterista di tutti i tempi.

Dave Grohl

Dave Grohl è uno di quelli che ha saputo reinventarsi. Dopo la morte di Kurt Cobain, l’ex Nirvana ha messo su i Foo Fighters. E, sorpresa, ha messo da parte le percussioni per diventarne il frontman. Sentendo come canta e suona la chitarra, chi non conosce il passato di Grohl non immaginerebbe mai che abbia suonato come batterista nei Nirvana. Eppure, il leader dei Foo Fighters ha fatto parte della rivoluzione grunge cominciata nella seconda metà degli anni ’80. Oggi è passato all’hard rock. E quando riprende posto alla batteria, dimostra la grinta dei giorni migliori.

Alex Van Halen

Quando i Van Halen uscirono con il loro primo album, molti fan dell’hard rock si gettarono in ginocchio e ringraziarono Dio. I fratelli Van Halen portarono in dote un nuovo approccio ai rispettivi strumenti: Alex Van Halen con la sua intensità, ed Eddie Van Halen con i suoi assolo pirotecnici. Alex usava il rullante come fosse un’estensione di un tom-tom. Per capire quanto fosse innovativo il suo modo di suonare, basta ascoltare l’intro di Hot for Teacher, con quel ritmo tribale e potente.

Commenti