Guitar Center rischia il fallimento a causa della crisi economica

0
457

Chi di voi, appassionati di strumenti musicali, non conosce il marchio statunitense di Guitar Center? Se vi considerate amanti della chitarra, è praticamente impossibile non aver mai sentito parlare di una istituzione così illustre, una delle più importanti negli USA. Ma tutte le storie, anche quelle più belle e durature, sono destinate a concludersi, soprattutto quando la causa è esclusivamente economica. A seguito infatti dell’emergenza sanitaria, che ha decimato innumerevoli settori, la catena di negozi di strumenti musicali sta rischiando seriamente il fallimento (“bankruptcy” in inglese). Le vendite ridotte al dettaglio, e la conseguente chiusura del 75 % dei negozi fisici americani, hanno spinto i titolari aziendali a mettere in dubbio la loro sopravvivenza. Anzi, si può già dire che l’esperienza del marchio si possa definire conclusa. Secondo il New York Times, i titolari della società hanno presentato verso il tribunale fallimentare della Virginia e hanno chiesta un’amministrazione controllata (chiamando in causa il “Capitolo 11” del codice fallimentare statunitense).

Cosa dicono i vertici aziendali di Guitar Center?

“Durante tutto questo procedimento, continueremo a servire i nostri clienti e ad adempiere alla nostra missione di mettere più musica nel mondo. Dato il forte livello di sostegno dei nostri istituti di credito e creditori, prevediamo di completare il processo entro la fine di quest’anno”, afferma il CEO Ronald S. Japinga. I vertici aziendali cercano di spingere anche a ridurre il debito mediante accordi con altri gruppi finanziari. Guitar Center prevede di intavolare accordi con società come Ares Management Corporation, Brigade Capital Management e Carlyle Group. Il fine è ridurre il proprio debito in modo da faciliare il processo fallimentare.


Guitar Man, il nuovo documentario su Joe Bonamassa

Commenti