Good Omens: Buona Apocalisse a tutti!

0
605

GOOD OMENS è stata una miniserie televisiva di co-produzione britannico-statunitense del 2019, composta da 6 episodi. In Italia, così come in tutti i paesi in cui il servizio è disponibile, lo show è stato pubblicato su Amazon Prime Video il 31 maggio 2019.

Pillole di serie

Di genere fantastico, ma scanzonato e con derive comiche, Good Omens è stata diretta da Douglas Mackinnon ed è basata sul noto romanzo umoristico apocalittico di Terry Pratchett e Neil Gaiman del 1990 Buona Apocalisse a tutti!; Gaiman stesso si è occupato direttamente anche della sceneggiatura della miniserie. Così come nel romanzo, anche nella serie gli elementi parodistici sono ben evidenti.

Di cosa parla

La storia è ambientata nel 2018, il Piano Divino, l’Apocalisse, si sta per realizzare. Il demone Crowley e l’angelo Azraphel, i quali vivono praticamente dall’inizio della creazione sulla Terra, si sono oramai ben ambientati ed affezionati alla società umana, abituati agli usi e i costumi della Terra, motivo per cui non sono particolarmente entusiasti all’idea che tutto debba finire. Quindi tentano di tutto per prevenire la venuta dell’Anticristo e la conseguente Apocalisse. Per realizzare il loro difficile intento si mettono perciò alla ricerca dell’Anticristo, appena nato e portato sula Terra, cercando di indirizzarlo con un’educazione bilanciata. Il problema sorge quando al compimento dell’undicesimo compleanno del ragazzo, i due protagonisti si rendono conto che undici anni prima, al momento dello scambio di neonati nella clinica gestita dalle suore sataniste, c’è stato un errore nello scambio di bambini… Questo porterà i due “eroi” ad una corsa contro il tempo nel rintracciare il vero Anticristo ed impedirgli di compiere l’Apocalisse col fine di assicurarsi un agiato prosieguo di permanenza sulla Terra.

Recensione

Neil Gaiman è riuscito in un compito solitamente molto arduo e rischioso: trasporre fedelmente un romanzo in televisione. Ha adattato il libro di culto per il piccolo schermo a mò di dono non solo per i fan che adorano il romanzo da trent’anni, ma anche per un nuovo pubblico che, pur non potendo notare tutte le citazioni, saprà sicuramente innamorarsi di una storia divertente, avvincente e costantemente a metà strada tra follia e profondità. Altro punto di forza della serie è stato il casting, ottimo con la scelta dei protagonisti Michael Sheen e David Tennant: irresistibili. La miniserie è anche e soprattutto un manifesto di elogio della diversità, dell’amicizia che supera ogni differenza, e della capacità di diventare migliori quando si accoglie ciò che è diverso da noi. Sostanzialmente si può riassumere Good Omens come un gioiello di adattamento, di humour e di recitazione.

Il cast

Protagonisti principali della simpatica miniserie sono stati il sempre apprezzato David Tennant (nei panni del “diabolico” Crowley) e Michael Sheen (nelle vesti angeliche di Aziraphale). Tra i personaggi di contorno: Anna Maxwell Martin (Belzebù), Josie Lawrence (Agnes Nutter), Adria Arjona (Anathema Device), Michael McKean (Shadwell), Jack Whitehall (Newton Pulsifer), Miranda Richardson (Madame Tracy), Ned Dennehy (Hastur), Ariyon Bakare (Ligur), Daniel Mays (Arthur Young) e Sam Taylor Buck (Adam Young, il giovane ed inconsapevole Anticristo). Guest star è stato Jon Hamm, nel ruolo dell’Arcangelo Gabriele; ed infine Benedict Cumberbatch e Frances McDormand hanno prestato le loro voci per Satana e Dio.

Commenti