Get Back: i Beatles al cinema

0
354
Get Back: i Beatles al cinema

Get back to where you once belonged. È un verso della famosa Get Back. Torna a dove una volta appartenevi. Ed i Beatles appartengono tanto alla musica quanto al cinema. Lo sa bene Peter Jackson, che ha pensato di portare sul grande schermo una pellicola che vede i fab four al massimo dello splendore.

Cos’è Get back?

Get Back è il titolo di una canzone dei Beatles e a breve diventerà anche il titolo di un documentario. Si intitolerà The Beatles: Get Back l’evento cinematografico di questo 2021. Il documentario era già in lavorazione, ma l’emergenza sanitaria aveva fermato le operazioni di montaggio. Peter Jackson è tornato al lavoro di recente ed ha dichiarato che, se tutto andrò come deve, il suo film uscirà nel corso dei prossimi mesi. La domanda che tutti i fan dei fab four si fanno ora è: che tipo di documentario sarà?

Peter Jackson spiega che film sarà

Il regista de Il Signore degli Anelli parla in un video del suo documentario e ce ne mostra persino un pezzettino. Il film racconta la registrazione di Let it be, penultimo album inciso dai quattro ragazzi di Liverpool. Get Back è una traccia dell’album che i fab four si sono divertiti a registrare. Nello spezzone mostrato da Jackson si vedono John, Ringo, George e Paul in sala prove. La complicità negli sguardi e nei sorrisi salta all’occhio. Il risultato di questa sintonia sarà l’album Let it be.

Let it be

L’album Let it be, che contiene il singolo Get back, è un punto di arrivo per i Beatles. Il periodo in cui i quattro si riuniscono per registrarlo, però, è quello che segna il progressivo declino del gruppo. Nelle riprese appare anche una giovane Yoko Ono, ritenuta dai fan la vera causa della separazione dei fab four: una sorta di Medea capace di stregare Lennon ed allontanarlo dagli altri tre. Eppure, nel film di Jackson non traspaiono tensioni e stregonerie sussurrate dai teorici del complotto. I Beatles si divertono a suonare le nuove canzoni e si rilassano insieme nell’anticamera dello studio di registrazione.

Commenti