Fritz Lang: un uomo per tutte le stagioni

0
310
Fritz Lang

Per un numero crescente di cinefili, Fritz Lang, che iniziò la sua carriere nel 1916 e divenne il nome imponente della tormentata ma breve era d’oro della Germania, è una delle figure più importanti della storia del cinema. Con Metropolis ha aperto al strada a un genere nuovo.

La storia di Fritz Lang

Viennese di nascita, ha trascorso quasi metà della sua vita in America, ma la sua visione ha origine nell’atmosfera di una Germania caduta. Non ha mai perdonato la follia di Hitler, ma i tedeschi non hanno dimenticato il suo esilio e, come Marlene Dietrich, è amato molto oltre il Reno. Per un ristretto circolo di amici, è stato un uomo di molti umori, pensieri e credenze, un uomo che viveva intensamente.

Lang non pensava molto all’uomo, ma aveva indulgenza per le sue arti. Per lui, il ventesimo secolo erano Dachau e Hiroshima più di quanto sia stato Einstein. Per lui, e molti altri della sua generazione, la storia dell’umanità è scritta più spessa nel sangue che nella poesia.

C’è da chiedersi se la sua visione essenzialmente apocalittica del futuro dell’uomo, che sembrava così fuori posto nel californiano, è eminentemente personale o l’inevitabile conclusione di una generazione che ha visto due volte il mondo andare in fiamme. A guardare i nostri giorni, direi la seconda.

Ma Lang era anche uomo da mille discussioni. Dirgli cosa pensavi di Metropolis scatenava una rezione di perchè. Lang odiava l’adulazione. Per lui non c’erano grandi film americani negli 50/60.

Fritz Lang aveva la passione per l’intrigo, ma nessun tabù, solo argomenti su cui non gli importava di soffermarsi.

Anche il denaro aveva poca importanza per Lang. Non ignorava la necessità di fare prodotti commerciali e ha fatto la sua parte. Ma la maggior parte delle sue opere americane sono state fallimenti al botteghino e ha sviluppato una pelle spessa e frasi intelligenti contro considerazioni pecuniarie. I suoi numerosi nemici ritenevano che fossero i gioielli di sua moglie ad averlo finanziato nel 1933.


Venezia Classici e Cinema Ritrovato di Bologna tutti i film restaurati in programma


Fritz Lang e Metropolis

Il film ha una trama che sfida il buon senso, ma la sua stessa discontinuità è un punto di forza. A render allucinatorio “Metropolis” è la mancanza della rassicurazione di una trama costante. Pochi film sono mai stati visivamente più esaltanti. Considerato generalmente il primo grande film di fantascienza, “Metropolis” (1927) fissò per il resto del secolo l’immagine di una città futuristica come un inferno di progresso scientifico e disperazione umana. Da questo film, in vari modi, hanno preso vistas “Dark City” ma anche “Blade Runner”, “The Fifth Element”, “Alphaville”, “Escape From L.A.”, “Gattaca” e Batman’s Gotham City. Il laboratorio del suo genio malvagio, Rotwang, ha creato l’aspetto visivo di scienziati pazzi per decenni a venire, specialmente dopo che è stato rispecchiato in “Bride of Frankenstein” (1935). E il dispositivo della “falsa Maria”, il robot che sembra un essere umano, ha ispirato i “Replicanti” di “Blade Runner”. Anche la mano artificiale di Rotwang è stata omaggiata in “Dr. Strano amore.”

Locandina di Metropolis di Fritz Lang

Ciò che molti di questi film hanno in comune è un eroe solitario che scopre il funzionamento interno della società futura, penetrando nel sistema che controllerebbe la popolazione. Anche i cattivi di Batman sono i discendenti di Rotwang.

Il messaggio è potente: la scienza e l’industria diventeranno le armi dei demagoghi. “Metropolis” ha utilizzato set enormi, 25.000 comparse e sorprendenti effetti speciali per creare due mondi: la grande città di Metropolis, con i suoi stadi, grattacieli e superstrade nel cielo, e la città dei lavoratori sotterranei, dove il quadrante dell’orologio mostra 10 ore per stipare un altro giorno nella settimana lavorativa. Il film di Lang è il vertice dell’espressionismo tedesco, la combinazione di set stilizzati, angoli drammatici, ombre audaci e teatralità francamente artificiale.

Commenti