Franco “Bombolo” Lechner: chi era?

0
3416
bombolo

Bombolo (Franco Lechner), personaggio pittoresco romano, è noto ancora oggi per fare coppia con il grandissimo Ispettore Giraldi (ex delinquente redento passato dalla parte della giustizia) interpretato dal grande Tomas Milian.

Bombolo come nasce?

Franco Lechner, questo il vero nome dell’attore romano, nasce a Roma il 22 maggio del 1931.
Curioso come la storia di Franco si vada ad intrecciare con il suo personaggio Bombolo. Infatti la sua carriera d’attore non era stata programmata, come molto spesso accade, ma gli è “piombata addosso”, e lui non ha potutto fare a meno di prendere al volo l’occasione.

Fin da giovanissimo si guadagnava da vivere come “piattarolo”, ovvero, venditore di stoviglie, tovaglie e ombrelli ai passanti, per le vie della capitale.

Era il 1975 quando Pingitore e Castellacci lo notano proponendogli di entrare a far parte del mondo del cinema. Ma mentre la sua carriera d’attore inizia a prendere piede, Franco Lechner non smette di fare il “piattarolo”.

bombolo e toms milian lo schiaffo

Dopo un anno il suo debutto Lechner fece l’incontro con Tomas Milian, e questo lo consacrò, qui che nacque il mitico personaggio di Bombolo.
Ed è da qui che la gag dello schiaffo prende vita diventando una sorta di “must” nelle loro gag.

Fra gli anni settanta e ottanta partecipò come caratterista a decine di film diretti soprattutto da Bruno Corbucci e Pier Francesco Pingitore.

Nel 1983 durante una trasmissione in una tv nazionale, disse di aver scelto il nome d’arte Bombolo ispirato da una canzone del 1932 che recita: “Era alto così, era grosso così, lo chiamavan Bombolo”.

La malattia ed il ritiro dalle scene

La sua carrierà non durò molto, purtroppo a causa di problemi di salute dovette lasciare il mondo dello spettacolo.
Era il 1986 quando partecipò al suo ultimo film Giuro che ti amo, ma già in questa pellicola l’attore si vede molto dimagrito. Qualche mese prima di realizzare il film Franco fu colpito da una forma aggressiva di meningite che lo portò anche al coma. Ovviamente in quel periodo interruppe qualsiasi attività teatrale e cinematografica ma, ache dopo la sua guarigione, non si riprese del tutto.
Ma non è tutto. Purtroppo fu colpito anche da un male incurabile all’inizio del 1987, il quale lo sfinì fisicamente, fu costretto di nuovo ad un ricovero ospedaliero costringendolo ad un ritiro definitivo dalle scene. Sempre in quell’anno, tre mesi prima di morire, fece un’apparizione al programma il Bagaglino, ma era ormai così debilitato dalla malattia che fu aiutato a salire il palcoscenico.

Bombolo si spense il 21 agosto del 1987 all’età di 56 anni. e’ stato seppellitonel Cimitero flaminio, a roma, e l’epitaffio sulla sua tomba riporta la scritta: “Ciao Bombolo Core de Roma”.

Articoli che potrebbero interessarti: Tre anni fa moriva Tomas Milian

Commenti