Flatliners Linea Mortale: recensione di un remake fanta-horror

"Flatliners Linea Mortale" è un film del 2017, remake di un lavoro omonimo degli anni '90. Ecco la nostra recensione del film.

0
1146

“Flatliners Linea Mortale” è un film horror, drammatico e fantascientifico del 2017. Si tratta del remake di un omonimo lavoro del 1990 con Julia Roberts: l’opera uscì quasi in contemporanea a “Pretty Woman“, film che ha reso la Roberts la star iconica che noi tutti conosciamo. Questo remake è diretto da Niels Arden Oplev, sceneggiato da Ben Ripley e prodotto da Michael Baderman, il medesimo produttore del film originale. Il cast include: Ellen Page, Diego Luna, Nina Dobrev, James Norton, Kiersey Sutherland, Kiefer Sutherland ed altri.

TRAMA

Nel contesto di una facoltà di medicina, con un clima incredibilmente competitivo, alcuni ragazzi portano avanti un esperimento estremamente rischioso: indurre la morte celebrale e poi rianimare le persone così da poter testimoniare cosa c’è per davvero nell’aldilà. Gli studenti che hanno progettato tutto ciò testano l’esperimento su se stessi e sugli amici, ma qualcosa va storto: chi si è sottoposto al test inizia ad avere delle strane allucinazioni e ad essere perseguitato da demoni del passato, da errori di cui conservano ancora dei sensi di colpa. Presto tutto ciò si trasforma in un pericolo mortale…

Flatliners Linea Mortale – recensione film

Con una trama sicuramente geniale, un cast di buon livello e un’ottima regia, l’originale del 1990 era un film molto ben riuscito, capace sia di intrattenere che di lasciare un messaggio, perfetto insomma da ogni punto di vista. In casi del genere, la domanda è sempre la stessa: c’è davvero bisogno di un remake, per di più a nemmeno 30 anni dalla pubblicazione del film originale, in un contesto in cui il modo di fluire i film non è ancora cambiato così tanto da rendere l’originale proibitivo? La risposta è semplice: no. Nonostante anche qui ci sia dunque un buon cast, questo film risulta abbastanza scialbo e inutile dal punto di vista artistico, per di più con una regia ed una sceneggiatura che non reggono il confronto con l’originale e risultano abbastanza noiose e ripetitive dopo un po’.

Un remake che funziona se non si conosce l’originale

Certo, gli ingredienti ci sono e per chi non ha visto il film originale funzionano comunque: l’ambiente universitario iper-competitivo ed i traumi irrisolti dei protagonisti creano una base molto salda per un film che si basa su esperimenti (fanta)scientifici e suspense, ma di contro chiunque abbia visto il film originale non potrà non chiedersi per quale motivo ci si debba accontentare di una minestra senza sale quando si può avere un gustoso piatto di lasagne. In definitiva ritengo che sarebbe stato meglio spendere soldi ed energie per rifare qualche film venuto meno bene o una pellicola davvero vecchia che oggi si può fare fatica a seguire, non certo un’opera degna di nota che potrebbe tranquillamente essere stata girata anche nei primi anni 2000.

Come guardarlo

Di seguito il trailer e l’elenco di piattaforme su cui potete trovarlo in streaming.

LEGGI ANCHE: Psycho: remake in TV, ma quali sono le differenze con l’originale?

Commenti