First Cow di Kelly Reichardt dal 9 luglio solo su MUBI

La premiata regista Kelly Reichardt (Meek’s Cutoff — Il sentiero di Meek, Wendy and Lucy) ritorna con l’attesissimo First Cow, un’avvincente e gloriosa storia di amicizia ambientata nel vecchio West

0
209
First Cow

First Cow di Kelly Reichardt dipinge una magnifica storia di amicizia e un ritratto autentico della vita di frontiera all’inizio del diciannovesimo secolo, descrivendo l’immensa e inquietante tranquillità dell’America rurale e interrogandosi sulle vere fondamenta sulle quali il paese è stato costruito.

Di cosa parla First Cow di Kelly Reichardt?

Un cuoco solitario e taciturno (John Magaro) in viaggio verso Ovest si unisce a un gruppo di cacciatori di pellicce dell’Oregon, ma l’unica persona con cui sente una reale affinità è un immigrato cinese (Orion Lee), in cerca anche lui di fortuna. Presto i due scoprono come realizzare il loro “sogno americano”: derubare un ricco proprietario terriero del latte della sua preziosa vacca, la prima e unica del territorio, per fare deliziose frittelle da vendere al mercato.

Mubi

E’ una piattaforma streaming globale, casa di produzione e di distribuzione di film. MUBI è un posto dove scoprire e guardare cinema bellissimo, interessante e incredibile. Un nuovo film accuratamente selezionato arriva su MUBI ogni giorno. Cinema da tutto il mondo. Da registi iconici ad autori emergenti. Tutto scelto con cura dalle curatrici e curatori di MUBI.

Film recenti su Mubi

MUBI è anche un produttore e distributore di nuovi film ambiziosi, che i membri possono guardare esclusivamente sulla piattaforma. Alcune uscite MUBI recenti e in arrivo sono: First Cow di Kelly Reichardt, Shiva Baby di Emma Seligman, What Do We See When We Look At The Sky? di Alexandre Koberidze, e ancora, Pleasure di Ninja Thyberg, Songs My Brothers Taught Me di Chloé Zhao e Dead Pigs di Kathy Yan; inoltre, le co-produzioni MUBI includono Farewell Amor di Ekwa Msangi, vincitore di un premio al Sundance, Port Authority di Danielle Lessovitz e Our Men di Rachel Lang.

Commenti